Cibi del mondo a Foligno. Precisazioni e chiarimenti dell’Amministrazione comunale di Bevagna

stemma-di-bevagnaNewTuscia – BEVAGNA – La pratica della strumentalizzazione è quanto riesce meglio all’ex sindaco che parla di grande perdita per un evento di “portata internazionale” quale sarebbe Cibi del mondo che, iniziato a Bevagna, quest’anno è stato spostato a Foligno.Velatamente, ma non troppo, si vuole far passare l’attuale Amministrazione come la responsabile di questo spostamento in quanto avrebbe mandato segnali di distanza e di indifferenza, e non avrebbe saputo cogliere al volo questa opportunità né ascoltato l’opinione dei cittadini.

Ma di che si parla?

Deve essere chiaro che Cibi del mondo si fa a Foligno, perché così ha deciso l’organizzatrice, la quale non si è minimamente confrontata con la nuova Amministrazione, nessun contatto, né con il Sindaco né con gli Assessori, prima di spostare l’evento in un’altra città. E’ evidente che la decisione è stata presa indipendentemente dalla volontà del Comune di Bevagna.

Perché questa decisione? Perché a Foligno? Non abbiamo elementi per dare una risposta. Di certo colei che si dice dispiaciuta, se ciò rispondesse a verità, e se fosse realmente così forte il suo legame con il  paese, avrebbe dovuto fare  il possibile per far restare la manifestazione a Bevagna. Invece  il silenzio  e la totale mancanza di collaborazione, sono ulteriore dimostrazione di quale sia il legame con il paese e le sue attività commerciali e produttive,  che certamente avrebbero voluto dalla loro parte  non solo un’ Amministrazione attiva ma anche un’opposizione diversa,  per cercare di attraversare questa fase così complessa, per Bevagna come per il resto della Regione a causa dei recenti eventi sismici e dei danni indiretti.

Tornando a Cibi del mondo, è necessario aggiungere, per fare ulteriore chiarezza, che già l’anno scorso l’ex sindaco, in una riunione pubblica paventava l’idea di non riuscire a realizzare Cibi del mondo a Bevagna per un problema oggettivo e cioè per la mancanza in loco di associati alla Confesercenti. Questo conferma che l’idea dello spostamento era già nell’aria e contribuisce a comprendere che  l’attuale Amministrazione non ne è in alcun modo responsabile.

L’attuale Amministrazione, inoltre,  ha mostrato in più occasioni l’attenzione ai problemi reali del paese, e per quanto riguarda eventi e manifestazioni ha già calendarizzato numerosi appuntamenti  per la stagione primaverile, a partire da quelli in concomitanza con un evento di portata mondiale come la tappa a cronometro del Giro d’Italia, che verrà trasmessa in 96 paesi. Il Giro  passerà per un lungo tratto nel nostro comune e  porterà un notevole ritorno di immagine ed una ottima promozione del territorio. Continueremo anche durante l’estate con un calendario molto più ricco di eventi dell’estate passata, un calendario che Bevagna non vedeva  da anni, spenta com’era ogni iniziativa di carattere culturale, sociale, ricreativa.

A tale proposito, di concerto  con la Regione ed anche con altre realtà comunali, si sta lavorando ad  ulteriori interventi che si spera siano la giusta strada  per far ritornare il turismo nel nostro paese. In questo abbiamo sperato di trovare un valido supporto nei consiglieri di opposizione, che sensibilmente avrebbero dovuto cogliere la difficoltà amministrativa e l’emergenza che si sta vivendo. Se ciò non sarà possibile, chiediamo almeno che venga fatta un’opposizione non di scaramucce sui social, bensì costruttiva e di reale sollecitazione politica in vista di scelte importanti che questa Amministrazione, con il mandato dei cittadini, ha intenzione di portare a termine.