Consiglio comunale di Perugia del 01/03/2017

NewTuscia – PERUGIA – La Giunta di Palazzo dei Priori ha deliberato oggi le nuove tariffe per i parcheggi in convenzione con SIPA Spa a ridosso del centro stoperugia_32rico, apportando sconti significativi, oltre che una rivisitazione e razionalizzazione dei piani tariffari attualmente applicati sia nei parcheggi in struttura che nelle aree a parcometro.

La riduzione più importante riguarda i residenti del centro, che avranno uno sconto del 30% sugli abbonamenti ai parcheggi in convenzione. Ma anche gli altri residenti del Comune di Perugia beneficeranno di una riduzione del 20% sugli abbonamenti ordinari 24 ore negli stessi parcheggi. In entrambi i casi, la riduzione non è prevista al Mercato Coperto, dove però si applicherà la riduzione del 20% del costo della 1° e 2° ora di sosta dalle 15,00 fino alle 23,00.

Sarà, inoltre, ridotta del 20% la tariffa della 1° e 2° ora di sosta presso tutti i parcheggi in struttura, dalle 15,00 alle 20,00, mentre dalle 20,00 alle 2 di notte si applicherà la tariffa agevolata forfettaria notturna di 2,50 euro.

Si avrà anche una riduzione del 18,50% sulle aree del parcometro con tariffa di 2,70 euro, portandola invece a 2,20/h.

Bloccato infine l’incremento tariffario (che sarebbe stato del 10,6%) per aggiornamento in base alla variazione Istat sulle aree a parcometro con tariffa 1,10 e 1,35 euro.

“Il costo dei parcheggi è stato da sempre uno dei punti dolenti che questa amministrazione ha dovuto affrontare sin dal primo momento che si è insediata –ha spiegato l’Assessore al Commercio, Artigianato e Mobilità Cristiana Casaioli, che ha firmato la delibera- Questo era di sicuro l’ostacolo più grande alla rivitalizzazione del centro, che stiamo realizzando con una serie di misure che ne favoriscano sempre di più l’accessibilità. Il costo dei parcheggi, del resto, rappresenta un limite all’accessibilità in centro storico sia per chi vi risiede, chi ci lavora, per i turisti e chi viene a fare shopping. Per questo è stato fondamentale dialogare con la società che gestisce i parcheggi per andare incontro alle esigenze dei cittadini e delle imprese, tenendo conto delle esigenze di chi risiede in centro e non ha un garage, di chi lavora in centro e di chi del centro fruisce. E’ stato un lavoro che ha richiesto tempo, analisi e studi  soprattutto perché ci siamo dovuti muovere dentro un contratto con caratteristiche che andavano ben oltre le logiche legate alle tariffe sulla sosta.”

I parcheggi interessati dalle nuove tariffe sono l’Autoparcheggio di Piazza Partigiani, il Mercato Coperto, l’Autoparcheggio di Via ripa di Meana, quello di Sant’Antonio e quello di Piazzale Europa, più tutte le aree di sosta a parcometro.

Adesso la palla passa al Consiglio comunale per la ratifica delle tariffe in fase di approvazione dl bilancio.

 

GIUNTA COMUNALE/APPROVATO IL PROGETTO DEFINITIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO IMPIANTO CREMATORIO NEL CIMITERO MONUMENTALE DI PERUGIA: ENTRO BREVE IL VIA AI LAVORI

E’ stato approvato, su proposta dell’assessore Dramane Wagué e del dirigente, l’Ing. Fabio Ricci, il progetto definitivo per la realizzazione del nuovo forno crematorio presso il cimitero monumentale di Perugia.

A breve, dunque, potranno partire i lavori per l’opera tanto attesa dalla cittadinanza, essendosi da tempo concluse le procedure per l’assegnazione dell’appalto.

Perfettamente rispettata, dunque, la tempistica dettata dalla giunta nei mesi scorsi, secondo un cronoprogramma che ha preso il via il 23 marzo dello scorso anno con l’approvazione del progetto preliminare e la successiva pubblicazione del bando di gara nell’aprile, la cui aggiudicazione definitiva alla ditta Officine Meccaniche Ciroldi spa per l’importo complessivo netto di € 539.365,70 è avvenuta il 12 settembre. Nel frattempo, peraltro, il 24 agosto, era pervenuto anche il nulla osta della Cassa Depositi e Prestiti.

Nel frattempo, tra Novembre 2016 e Gennaio 2017, sono arrivati anche i pareri richiesti a Vigili del Fuoco e Soprintendenza e l’Autorizzazione Unica Ambientale (AUA), subito trasmessi all’azienda aggiudicataria per la redazione del progetto definitivo, per poter arrivare all’approvazione del progetto stesso e alla stipula del contratto entro marzo.

A quel punto, l’azienda avrà venti giorni di tempo per consegnare il progetto esecutivo che, una volta approvato, darà l’avvio ai lavori, che dureranno circa tre mesi, oltre il collaudo.

La decisione di procedere alla realizzazione di un nuovo impianto era stata assunta dall’Esecutivo con delibera 404 del 16 dicembre 2015 sulla base di un’attenta e scrupolosa valutazione che gli uffici e i dirigenti dei Servizi Cimiteriali avevano portato avanti nei mesi precedenti con gli esperti. Da tali relazioni era emerso come non fosse conveniente riparare il vecchio forno, in quanto costoso e non più rispondente alla normativa vigente.

In virtù di questo, l’Assessorato ai Servizi Demografici e cimiteriali aveva già da tempo previsto in bilancio le risorse per la costruzione di una struttura nuova, di ultima generazione, più efficiente, anche in considerazione del fatto che quello di Perugia è l’unico forno crematorio dell’Umbria, di cui si servono anche utenti provenienti dalle regioni limitrofe. Il nuovo forno crematorio avrà, infatti, caratteristiche tecniche innovative, sia per quanto riguarda le emissioni ambientali, sia quanto a efficienza operativa, visto che potrà lavorare anche su tre turni, anziché su uno solo come il vecchio.

Il progetto definitivo, redatto dalla ditta aggiudicataria, ossia le officine meccaniche Ciroldi di Modena, recepisce le prescrizioni contenute nelle autorizzazioni e pareri, tutti positivi, rilasciati dai vari soggetti competenti, ossia Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, Soprintendenza belle arti e paesaggio dell’Umbria, Comune di Perugia (autorizzazione paesaggistica e provvedimento autorizzativo unico AUA).

L’intervento complessivo è pari a 700mila euro dei quali 539mila per lavori (in virtù di ribasso d’asta rispetto ai 600mila originari) e 160mila per somme a disposizione (rispetto ai 100mila originari)

“Il nostro obiettivo –afferma l’assessore Diego Dramane Wagué- è quello di rispondere, in questo modo, alle esigenze dei familiari dei defunti in maniera sempre più tempestiva ed economica, considerando che i defunti vengono portati a Perugia per la cremazione non solo dalla città, ma da tutta la regione e anche da fuori regione

Vorrei, infine, ringraziare gli uffici per il lavoro che hanno portato avanti e che ancora stanno facendo; grazie al loro impegno sarà possibile in tempi ragionevoli dotare la città di una struttura all’avanguardia e fondamentale per i cittadini”.

 

Giunta COMUNALE/AGENDA URBANA, approvato dalla giunta comunale lo schema di convenzione tra comune e regione

approvato oggi dalla giunta –su proposta dell’assessore al Marketing urbano e Sviluppo economico Michele Fioroni- lo schema di convenzione tra Regione dell’Umbria e Comune di Perugia, che disciplina i reciproci impegni e delega al comune le funzioni di organismo intermedio così come previsto dalle azioni di Agenda Urbana finanziate nell’ambito del Por Fesr 2014/2020.

Come si ricorderà, nel dicembre 2016 è stato approvato dalla Giunta Comunale il Programma di Sviluppo urbano Sostenibile Perugia.Zip nell’ambito di Agenda Urbana, a sua volta approvato, subito dopo, dalla Regione dell’Umbria, benché con alcune prescrizioni.

Complessivamente, le risorse per la realizzazione di Perugia.Zip ammontano a 11.897.268 euro –comprensivo di cofinanziamento comunale pari a 1.744.094,53 euro, a cui si aggiungono 1.500.000 euro destinati alla ristrutturazione dell’ex cinema Turreno.

A breve si procederà, quindi, alla sottoscrizione della suddetta firma da parte, per quanto riguarda il Comune, del Sindaco, quale legale rappresentante dell’ente e della dirigente Antonella pedini, che coordina gli interventi in seno al nucleo di coordinamento di Agenda urbana della Regione.

 

Ballo dei Rioni”, la vera protagonista è la Perugia di borghi e quartieri/COMUNICATO STAMPA

Un ballo tira l’altro e alla fine la serata di martedì grasso al Teatro del Pavone, organizzata da Perugia 1416 in sinergia con i cinque Rioni della città, è stata un successo. Nella prima edizione del “Ballo dei rioni”, la vera protagonista è stata la Perugia dei borghi e dei quartieri. Una festa in allegria che ha richiamato centinaia di cittadini, residenti lungo le vie e non, perugini che nonostante i tanti appuntamenti organizzati per la ricorrenza, la pioggia e il freddo, non si sono voluti perdere l’appuntamento a sostegno del proprio Rione, indossando semplicemente ma simbolicamente un fazzolettone colorato al collo. Alta partecipazione quindi, ben oltre le aspettative: al di là delle prevendite, che già indicavano il pienone, sono stati in diversi a presentarsi “fuori lista”. Un’occasione socializzante, per stringere amicizie e fare anche nuovi soci. Il ricavato della serata, tolte le spese (alcune saranno direttamente a carico dell’associazione Perugia 1416), sarà suddiviso per i cinque rioni, in ragione dei rispettivi biglietti venduti.

A presentare l’evento Bruno Pilla, che ha scaldato la serata coinvolgendo i presenti, riuscendo a trainare tutti in pista, ballando sulle note del trio “Uno Vale l’altro”, il complesso musicale che ha allietato l’evento proponendo balli di coppia e intramontabili brani tipici del Carnevale. Un coinvolgimento totale, che ha fatto anche salire sul palco i rappresentanti dei Rioni: tra i Consoli, c’erano quello di Porta Sole, Francesco Pinelli, di Porta Sant’Angelo, Francesco Tei (insieme al Priore Mattia Masotti), di Porta San Pietro, Francesco Berardi (con il consigliere Valentina Ercolani), di Porta Eburnea, Riccardo Canfora (e il Priore Stefano Cascianelli), mentre per Santa Susanna c’erano il Priore Mario Gambelunghe e Carmen Valigi (pro Console). Tutti, nei loro brevi ma efficaci interventi, hanno ribadito con entusiasmo il risvolto positivo di un impegno finalizzato a dare un contributo alle proprie vie, a ricucire legami e occasioni di rivitalizzazione della propria città, sull’intero territorio. Fermamente convinti degli obiettivi che possono raggiungere nel tempo, in ognuno di loro è trapelato l’orgoglio nel sentirsi parte di un progetto che non solo sta andando avanti, ma come ha detto Pinelli “ha anche il merito di riunire le varie associazioni che coesistono dentro i vari Rioni” che, come evidenziato poi da Berardi “viste le varie occasioni di contatto, rappresentano ormai, tutti insieme, una grande famiglia”.

Prima del taglio del cinque torte, ognuna con raffigurato lo stemma di un Rione, allestite nel ricco buffet di dolci, bibite e spumante, è salita sul palco, Teresa Severini, presidente dell’associazione nonché assessore alla Cultura, che ringraziando i presenti per il sostegno e la larga partecipazione ha ufficialmente confermato Alexio Bachiorri come Braccio Fortebracci, presente anche lui per l’occasione. Una serata che ha ricaricato di entusiasmo i rionali a portarsi a casa il Palio 2017, quello che si contenderanno dal 9 all’11 giugno.

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21