lino rocchi

Lino Rocchi, direttore Ac Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Dal primo gennaio, Ricorda il Presidente Dell’Automobile Club Viterbo Sandro ZUCCHI, sono entrati in vigore, anche in Italia, due nuovi regolamenti tecnici che inaspriscono gli standard della sicurezza per le norme sull’omologazione dei nuovi seggiolini per auto, pensate per aumentare la sicurezza dei più piccoli, una delle categorie più a rischio in caso di incidente.  Il focus passa dal peso del bambino alla sua altezza, stop ad alzatine, rialzi o booster fino ai 125 cm di altezza del bambino.

sandro-zucchi

Sandro Zucchi, presidente Ac Viterbo

In base alla nuova normativa, prosegue ZUCCHI, non è più possibile omologare seggiolini che non consentano di tenere lo schienale fino ai 125 cm. Quelli già omologati saranno ancora in vendita, cosi come quelli ancora in circolazione e resteranno validi sino all’estate, quando entrerà in vigore la R129-02, che non ne consente più la vendita. Le alzatine, quindi, possono continuare a essere utilizzate, ma è una questione di sicurezza. Se vuoi proteggere tuo figlio, scegli prodotti con lo schienale: questo renderà più agevole l’utilizzo della cintura di sicurezza e garantirà loro una maggiore protezione in caso di incidenti, questo soprattutto per fare sì che le cinture siano correttamente sistemate intorno a spalle e torace del bimbo, e non ad altezza collo, un punto particolarmente pericoloso in caso di urto.

L’altezza diventa dunque il criterio fondamentale per la scelta del seggiolino, dichiara Lino ROCCHI Direttore A.C. Viterbo, sostituendo il peso e il codice della Strada all’articolo 172, sulla statura, parla chiaro e non è modificato: – I bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato -.

I seggiolini per bambini di altezza compresa fra 100 e 150 cm, inoltre, non dovranno più essere dotati obbligatoriamente del dispositivo Isofix o I-Sizea. I genitori possono quindi scegliere se installare il seggiolino auto con gli agganci, o sfruttare le cinture di sicurezza dell’auto.

Ultimo, ma non per importanza afferma ROCCHI, è d’obbligo ricordare che ci saranno multe più salate e ritiro della patente per chi non rispetta la norma, infatti, se fai viaggiare il tuo bambino in auto senza seggiolino, con le nuove norme, rischi una multa che va da 80 a 323 euro. Se sei recidivo, dopo due multe nell’arco di due anni, ti sarà sospesa la patente per un periodo compreso tra 15 giorni e 2 mesi.

Automobile Club Viterbo