L’area archeologica di Ferento aperta per il lungo ponte dell’Immacolata

loading...

(NewTuscia) – VITERBO – L’area archeologica di Ferento, i resti della città romana e medievale, visitabile il sabato e la domenica, grazie all’impegno dell’associazione Archeotuscia di Viterbo, sarà aperta eccezionalmente per l’intero “ponte” dell’Immacolata a partire da oggi mercoledì 7  fino a domenica 11 dicembferentore dalle ore 10  al tramonto.

Le rovine della città sono la testimonianza di una lunga vicenda urbanistica improvvisamente interrotta nel 1172, quando i Viterbesi, dopo ripetuti scontri, “entrarno per forza nella città di Ferento e tutta la robbarno e scarcarno” come si legge nei documenti storici.

I resti monumentali oggi visibili, frutto principalmente degli scavi effettuati durante il ventesimo secolo e proseguiti con recenti campagner, rappresentano una minima parte di quelli conservati ma  forniscono una importante testimonianza del sito: i decumano (strada basolata) ferentano, il teatro e le terme sono elementi di una vasta area pubblica, mentre numerose strutture medioevali sono visibili nei terreni esterni alla stessa area.