(NewTuscia) – ORVIETO – In occasione dell’Anno Santo della Misericordia, indetto da Papa Francesco, il Festival Internazionale Arte e Fede ha voluto leggere i segni dei tempi e cogliere “il presente della misericordia”, spostando la sua programmazione, nelle ultime due edizioni invernali 2015/2016, all’inizio e alla fine del Giubileo.

Quest’anno, dunque, il festival celebra la sua XI edizione chiudendo l’anno santo della Misericordia ad un anno esatto dalla sua apertura, per la Festa dell’Immacolata. Gli appuntamenti principali del Festival 2016 avranno luogo dal 6 all’8 dicembre ma poi, con altri eventi cornice, questa speciale edizione accompagnerà il cammino e l’attesa del Natale in città.

Dal prossimo anno, la manifestazione ritornerà ad indossare le consuete vesti estive, dall’11 al 18 giugno, in preparazione alla Festività del Corpus Domini.

Ad aprire l’XI edizione del Festival sarà un appuntamento imperdibile, la proiezione in anteprima nazionale del DocuFilm “I misteri di Maria da Nazareth a Fatima”, prodotto da Tv2000 in collaborazione con La Storia in Rete, girato in gran parte a Orvieto grazie al lavoro di UmbriaFilmMovie e al supporto dell’Associazione Presepe & Orvieto.

L’evento moderato dal giornalista e conduttore di Tv2000, Mario Placidini, si terrà presso la sala dei 400 nel Palazzo del Capitano del Popolo ad Orvieto. Tra gli ospiti Alessandra Gigante e Fabio Andriola regista e autore del documentario e il direttore di Rete di Tv2000, Paolo Ruffini. La prima puntata sarà trasmessa poi dall’emittente della Cei giovedì 8 dicembre, alle ore 21.05, in occasione della festa dell’Immacolata concezione.

Il Festival Internazionale d’Arte e Fede di Orvieto, in oltre dieci anni di storia, ha avuto la gioia di ospitare personaggi di primo piano del mondo della cultura tra cui: Angelo Branduardi, Roberto Vecchioni, Claudia Koll, Amedeo Minghi, Susanna Tamaro, Massimo Cacciari, Franco Nero, Giulio Base, Guido Chiesa, Gianfranco Vissani, P. Enzo Bianchi, Mons. Dario Viganò, Card. George Pell, Mons. Timothy Verdon, Mons. Ivan Maffeis, Chiara Amirante, Suor Anna Nobili, Alice Rohrwacher, Don Maurizio Patriciello, Pino Ciociola, Antonio Socci, Marco Guzzi, Corrado Augias, Alessandro Zaccuri, Mimmo Muolo, Franco Nembrini, Roberto Filippetti, Mino Milani, Antonella Anghinoni, Rino Cammilleri, Pino Strabioli, Karin Coonrod, Bruce Herman, Natalia Tsarkova, George Campbell e molti altri importanti studiosi delle più prestigiose Università del mondo (Cambridge University, Yale University, University of Sydney, Università di Ginevra, Università di Perugia, Pontificia Università Gregoriana, Pontificia Università della Santa Croce, Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, Pontificia Università Lateranense), oltre a diverse compagnie teatrali nazionali e internazionali (Compagnia dé Colombari, Compagnia Jobel Teatro, Fattore K, Ass. Kamina, ecc.).

Il Festival è organizzato e promosso dall’Associazione Culturale Iubilarte, in stretta collaborazione con il Comune di Orvieto e la Diocesi di Orvieto-Todi, con il sostegno dell’Opera del Duomo di Orvieto, della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, di Crediumbria Credito Cooperativo, di Vittoria Assicurazioni ed il patrocinio della Provincia di Terni e della Regione dell’Umbria.

PROGRAMMAZIONE

DocuFilm:  “I misteri di Maria da Nazareth a Fatima”
Prima Puntata Serie Tv, prodotto da Tv2000 in collaborazione con La Storia in Rete
Orvieto – sala dei ‘400 Palazzo del Popolo – 6 dicembre – ore 18 (ingresso libero)

I misteri di Maria svelati in una nuova serie tv in onda su Tv2000 e in anteprima nazionale alla XI edizione del Festival Arte e Fede di Orvieto. Un documentario dal titolo emblematico diviso in cinque puntate, firmato da Alessandra Gigante e Fabio Andriola, di cui la prima puntata girata in gran parte ad Orvieto, che ricostruisce la storia di Maria – da semplice ragazza a prescelta da Dio, da Madre di Gesù a discepola del Messia e, infine, Avvocata dell’Umanità – sottolineando come diventi progressivamente consapevole della propria missione senza mai prescindere dal suo essere Madre. Alla serie tv hanno contribuito biblisti, antropologi, storici, intellettuali, teologi e storici dell’arte.

Prima puntata – Una donna chiamata Maria. I primi dodici anni di Maria, Nazareth, l’Annunciazione, il «Magnificat». Quindi lo scetticismo della sua gente, il turbamento di Giuseppe, suo sposo, e la gravidanza. Con la nascita di Gesù inizia una nuova fase della sua vita caratterizzata da un rapporto, non sempre facile, con il Figlio.

I volti della via Francigena”

Film documentario di Fabio Dipinto  – Presentazione con ospiti e proiezione –

Bolsena  – Cinema Multisala  – 7 dicembre  – Ore 18.30

I volti della Via Francigena è un film documentario sui luoghi e le persone che popolano un meraviglioso cammino e che con il cammino hanno stretto un legame viscerale: pellegrini, ospitalieri, traghettatori, volontari, storici e religiosi, un’umanità multiforme che rende vivo il percorso.

Tra le persone intervistate si annoverano lo scrittore e psicoatleta Enrico Brizzi, lo storico Giovanni Caselli, il fondatore del Movimento Lento Alberto Conte, il rettore della Confraternita di San Giacomo di Compostela Paolo Caucci von Saucken, l’abate recentemente scomparso Joseph Roduit della millenaria abbazia di Saint-Maurice, e molti altri. La videocamera ha scavato in profondità negli esseri umani custoditi da questo percorso: circa quaranta persone hanno raccontato la loro esperienza conversando con l’autore. Individui unici diventano testimoni di un itinerario millenario ancora selvaggio, che si affida silenziosamente al loro operato. Le parole dei protagonisti si alternano ad immagini di luoghi meravigliosi che quotidianamente si presentano dinanzi agli occhi: le linee delle montagne valdostane, il verde delle risaie, i colli toscani, pochi esempi di luoghi speciali che conducono dal Colle del Gran San Bernardo a Roma. Il film vuole narrare e dare visibilità ad un itinerario tanto sconosciuto quanto affascinante. Attraverso i racconti dei protagonisti vuole spiegare che cosa significhi intraprendere un cammino, prendersi cura di persone che dal giorno seguente non rivedrai più, fare del volontariato per permettere a viandanti sconosciuti di camminare in sicurezza e libertà attraverso i sentieri. Il film tocca grandi temi quali la storia e l’evoluzione del percorso, le spinte spirituali e religiose che portano a compiere il primo passo e infine il grande lavoro svolto lungo la Via, capace di mantenerla viva.

NOTE SUL REGISTA Fabio Dipinto torinese classe 1989, dopo il Liceo Classico segue un corso di laurea in Cinema e New Media alla IULM di Milano e consegue successivamente una laurea in Scienze della Comunicazione all’Università di Torino. Fanno seguito corsi di regia con professionisti quali Maurizio Nichetti e laboratori di montaggio, fotografia e sceneggiatura che arricchiscono la sua formazione.

Contemporaneamente lavora per la Scala di Milano realizzando riprese e montaggio di opere e balletti per la promozione dello stesso teatro. Per il Festival di Bobbio cura le riprese e il montaggio degli incontri culturali con gli ospiti del Festival. Realizza inoltre video promozionali per mostre e inaugurazioni di galleria d’arte. Ha all’attivo un documentario sull’archeologia della città di Milano, supportato ed ideato dal laboratorio Archeoframe dell’Università IULM. I volti della via Francigena è il primo lavoro da lui interamente realizzato di cui ha seguito produzione e regia.

Salve Regina”

Piccolo Oratorio sacro popolare per Soli e Gruppo Strumentale  di Ambrogio Sparagna

8 dicembre  – (Il luogo e l’orario del concerto verranno resi noti in un comunicato successivo)

Salve Regina è un oratorio popolare dedicato alla figura di Maria nella tradizione popolare. Una scelta artistica imperniata sul repertorio liturgico e paraliturgico, molti in brani in latino, con cui ancora fortemente si esprime il segno della pietà popolare e che si configura  come un genere musicale specifico, caratterizzato da modi e forme rappresentative autonome.  Sotto questa luce Salve Regina offre un viaggio nella nostra memoria musicale  contadina, realizzato anche con l’ausilio di nuove composizioni originali ispirate alla tradizione italiana, di cui Ambrogio Sparagna è autore ed eccezionale interprete. Accompagnano Sparagna in questo originale piccolo oratorio le voci di Anna Rita Colaianni e Raffaello Simeoni e gli strumenti dello stesso Simeoni e di Erasmo Treglia con tanti strumenti musicali  tipici della nostra tradizione.

Tra gli eventi corollario in cammino vero il Natale:

“Concerto di Natale 2016” (Evento in collaborazione con la Libreria dei Sette)
Ananda Joy Singers, Coro della fratellanza mondiale
Orvieto – Chiesa di San Giovenale – Domenica 11 dicembre – Ore 17.30  (ingresso libero)

“La stella, il cammino, il bambino: Il natale del viandante”
In collaborazione con la Libreria dei Sette e Associazione Presepe Orvieto
Presentazione del libro con l’autore Luigi Maria Epicoco

Orvieto – Libreria dei Sette – Sabato 17 dicembre ore 17.30 (ingresso libero)