Mancata presentazione lista M5s alle elezioni di Orte, Massimo Dionisi: “Ecco tutta la verità”

(NewTuscia) – ORTE – “Non siamo stati certificati dal Movimento 5 Stelle perché la richiesta di certificazione è stata spedita, e conseguentemente arrivata, in ritardo rispetto ai tempi di scadenza previsti”

A dirlo in una nota, è Massimo Dionisi candidato alla carica di sindaco alle scorse elezioni amministrative per il MeetUp del Movimento 5 Stelle del Comune di Orte che apprendiamo intende far luce sulle note vicende ortane.

dionisi-orte
Massimo Dionisi

“La politica deve essere fatta in modo serio. Ci si deve porre di fronte ai cittadini anche quando si devono dare informazioni scomode.

Mi scuso con tutti gli elettori e gli amici per questi mesi di assenza. Ho avuto bisogno di tempo per metabolizzare la delusione per aver mancato l’appuntamento alla tornata elettorale scorsa.

Ma se da un lato questo periodo è servito a risanare una ferita, dall’altro mi ha permesso di trovare risposte certe alla mancata certificazione della lista di cui ero il leader.

Venni sempre e preventivamente rassicurato dall’organizer del MeetUp di Orte che il ritardo nel presentare la domanda di certificazione non avrebbe inficiato la procedura stessa e sarebbe giunta lo stesso a buon fine. Stessa rassicurazione da parte dei fondatori del MeetUp ortano. Ma così non è stato.

Dopo la mancata certificazione oltre a verificare le dinamiche interne di spedizione, mi sono rivolto direttamente al capogruppo del M5S in Regione Lazio, nonché Membro Commissione Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica. Membro Commissione Politiche sociali e salute, Devid Porrello. Lo stesso si è rivolto direttamente alla Casaleggio & Associati di Milano (organo autorizzatario) dopodiché, nel mese di agosto, mi ha chiamato per riferirmi quanto sinora detto.

Prosegue Dionisi:-“Nel mese di agosto scorso venni a sapere della motivazione ed informai il gruppo che speravo, nel rispetto delle competenze, le comunicasse a sua volta alla cittadinanza e all’elettorato – anche al fine di liberare il campo da dubbi troppo ingombranti.

Così non è stato e dopo tre mesi ho deciso di dire cosa è andato storto. Bisogna avere il coraggio di dire la verità e di metterci la faccia sempre. Con l’occasione ringrazio qui e pubblicamente il portavoce Devid Porrello per l’attenzione che ha mostrato alle problematiche del Comune di Orte”.

 

 

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21