(NewTuscia) – VITERBO – Il Tavolo per la pace di Viterbo organizza per venerdi 4 novembre un incontro pubblico dal Titolo “Guerre in buona fede”. L’iniziativa si terrà partire dalle ore 16.30 presso il Centro di Documentazione Diocesano (CEDIDO) in Piazza S. Lorenzo (Palazzo dei Papi).

Il tema oggetto dell’incontro è un approfondimento sui conflitti in corso in Medio Oriente – in particolare in Siria – e sulle implicazioni culturali, politiche, economiche e sociali sia su scala locale che internazionale. Agli ospiti verrà chiesto di illustrare e raccontare, dal proprio punto di osservazione, le dinamiche e le cause di una crisi che riveste significati importanti ed ha una corrispondenza rilevante con le scelte politiche nelle sedi internazionali. Risvolti che si manifestano anche nel fenomeno delle migrazioni nel Mediterraneo e che hanno, sui media, una narrazione non sempre approfondita e oggettiva.

Sono stati invitati a partecipare:

  • Giuliana Sgrena, giornalista e scrittrice, esperta di cultura e politica mediorientale.
  • Don Renato Sacco, coordinatore nazionale Pax Christi.
  • È stato altresì invitato a partecipare il sig. Abu Rabia, un profugo proveniente dalla Siria per il tramite del corridoio umanitario promosso tra gli altri da Operazione Colomba, accompagnato da una operatrice appartenente a quest’ultima associazione.

Il Tavolo per la Pace è gruppo informale di lavoro per la diffusione della cultura della pace, intesa come cultura dei diritti della persona, della solidarietà sociale, della democrazia e del dialogo tra i popoli. Si è costituito nel marzo 2014 e comprende varie sigle e realtà della provincia di Viterbo, tra cui ACLI, ARCI, Caritas, AUSER, Casa dei Diritti Sociali, UNICEF, Ass.ne Sans Frontiere, USB. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di Viterbo.