Direttiva Bolkestein, ok nel caos alla Regione Lazio. M5s Lazio: “Ambulanti non esclusi”

davide-barillari
Davide Barillari

Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere regionale M5s Lazio, Davide Barillari

(NewTuscia) – ROMA – Cittadini in questo momento stanno bloccando accesso consiglio regionale, polizia schierata in assetto antisommossa, urla e spintoni.
Infuriati ed inferociti per bocciatura odg Bolkestein.
Nessun giornalista presente.
I consiglieri regionali dell’opposizione passano fra i cittadini, quelli del PD impauriti rimangono nei loro uffici o escono dall’ingresso laterale riservato.
“Ce lo chiede l’Europa”: e cosi’ il PD LAZIO da’ il suo ok alla direttiva Bolkestein senza escludere il settore degli ambulanti, come invece hanno fatto altre nazioni e addirittura ALTRE REGIONI PD (Toscana, Puglia, ..).

Questa e’ la situazione alla Regione Lazio, dopo la bocciatura farsa dei due ordini del giorno M5S+DESTRA+SEL+PSI (ripetuta la votazione piu’ volte, con Leodori che non riusciva a gestire il conteggio dei voti) e la sola approvazione dell’ordine del giorno PD, dopo una pseudo riformulazione.
Bocciati gli ordini del giorno delle opposizioni+pezzi di maggioranza per 1 SOLO VOTO. Passa per un solo voto l’inutile ordine del giorno del PD.
Maggioranza spaccata e ora la gente e’ inferocita fuori dal Consiglio.
Zingaretti “saponetta” naturalmente assente per tutta la giornata, non ci mette la faccia quando il clima e’ caldo e teso come oggi.

Davide Barillari

Direttiva #Bolkestein: Ecco gli impegni che abbiamo richiesto a Nicola Zingaretti:

– attivarsi presso il Governo al fine di ottenere la proroga delle concessioni dei posteggi su aree pubbliche fino all’anno 2020;
– agire, di concerto con le Regioni (ad oggi: Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto) che hanno già approvato mozioni analoghe, presso il Governo nazionale affinché emani al più presto una modificazione del Decreto Legislativo n. 59/2010, ed in particolare degli Artt. n. 12 e 16, escludendo il commercio ambulante dalla direttiva 2006/123/CE;
– attivarsi, altresì, presso il Governo nazionale affinché assuma le necessarie iniziative dirette a modificare gli articoli 7 e 70 del D. Lgs. n. 59/2010, onde prevedere che l’attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche sia riservata esclusivamente alle piccole imprese ed alle società di persone;
– intervenire comunque, eventualmente anche stralciando ed anticipando la parte del Testo Unico del Commercio (PL 188/2014) relativa al commercio su aree pubbliche, al fine di emanare una norma che garantisca i diritti degli operatori del commercio ambulante, sostenendo con forza l’esclusione di quest’ultimo dal campo di applicazione della c.d. direttiva Bolkestein.

Movimento Cinque Stelle Lazio

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21