(NewTuscia) – VITERBO – la-cena-degli-angeliLa nostra città è uno scrigno pieno di inestimabili tesori, alcuni conosciuti, altri meno. Uno dei più belli, preziosi e poco conosciuti rispetto a quanto meriterebbe,  è senz’altro la Basilica di Santa Maria della Quercia, magnifico complesso monumentale a due chilometri dalle mura del centro storico, santuario della Madonna della Quercia, che Papa Giovanni Paolo II , il 27 marzo del 1986, pose a celeste Patrona della nuova Diocesi di Viterbo, costituita dopo aver unificato le diocesi di Acquapendente,  Bagnoregio, Montefiascone, Tuscania e Viterbo.  Un luogo dell’anima ricchissimo di storia e cultura, nato e costruito per la devozione alla Madonna della Quercia, a cui migliaia e migliaia di persone, compresi Papi e Imperatori, dal finire degli anni ’60 del ‘Quattrocento, hanno tributato doni e regalìe.

Alcuni di questi tesori sono ancora visibili e ben custoditi nella Basilica, come la doratura del soffitto ligneo realizzato da Antonio da Sangallo, il cui oro, sessanta chilogrammi, proveniente dalle Americhe, fu dono del Papa Paolo III Farnese, che lo ricevette da Carlo V, Imperatore di Spagna. O come le due bandiere turche della battaglia di Lepanto (1571), donate da San Pio V in ringraziamento alla Madonna della Quercia per la vittoria riportata sui musulmani. Proprio qui, e potremmo scrivere ore raccontando anche dei tantissimi artisti che ci hanno lavorato, abbiamo deciso, grazie alla disponibilità, all’accoglienza e alla collaborazione (per noi mai scontate) di Don Massimiliano, di iniziare un percorso che regalerà alla città, a viterbesi e turisti, la possibilità di godere e di vivere, attraverso eventi ed iniziative, di questo luogo straordinario.

Cominceremo da venerdì 21 ottobre, con una serata suggestiva ed unica, un Convivio Rinascimentale nel Chiostro “grande” coperto, eccezionalmente fruibile per l’occasione, che darà la possibilità di conoscere e vivere, in un luogo d’eccezione, storie, racconti, profumi e sapori del periodo più bello luminoso e ricco della storia dell’umanità, appunto il Rinascimento.

Questa serata davvero unica aprirà il fitto programma di eventi ed iniziative che da Natale in poi attraverso visite mostre esposizioni darà modo a viterbesi e turisti di conoscere, apprezzare, fruire e godere appieno di questo gioiello cittadino di storia, cultura, spiritualità e devozione.

Per info su tutte le iniziative: segreteria@prolocoviterbo – Pagina Fb Pro Loco Viterbo – 393 3232478