(NewTuscia) – VITERBO – Il 12 settembre 2016 a Viterbo, presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”, e’ stato commemorato il martire della lotta antirazzista Steve Biko, nell’anniversario della morte avvenuta il 12 settembre 1977 a Pretoria in Sudafrica per mano dei sicari del regime dell’apartheid.

*

Le persone partecipanti all’incontro hanno ancora una volta rivolto un appello al parlamento italiano per due provvedimenti indispensabili per far cessare le stragi nel Mediterraneo e la schiavitu’ in Italia: riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro; riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che vivono nel nostro paese.

*

Steve Biko, intellettuale sudafricano, nato nel 1946, fondatore del movimento della Black Consciousness, fu assassinato nel 1977 dalla polizia politica del regime razzista. Tra le opere su Steve Biko fondamentale e’ la testimonianza biografica di Donald Woods, Biko, Sperling & Kupfer, Milano 1988.

*

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita’, alla solidarieta’.

Vi e’ una sola umanita’ composta di persone tutte diverse l’una dall’altra e tutte eguali in dignita’ e diritti, in un unico pianeta casa comune dell’umanita’ intera.

Cessare di uccidere, salvare le vite.

Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto.

Abolire la guerra, il razzismo, il maschilismo.

Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nella lotta per la comune liberazione.

Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.

Il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”