Terni. Arrivano i rinforzi per la Polizia Municipale

(NewTuscia) – TERNI – Assunti, a decorrere dal primo settembre, tre nuovi vigili urbani. Sono arrivati al Comune di Terni a seguito della procedura di mobilità prevista dal decreto del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri che ricolloca il personale appartenente ai corpi e ai servizi di Polizia Provinciale nei ruoli degli enti locali per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale.

“L’assunzione è stata possibile – dichiara l’assessore al Personale e alla Polizia Municipale Cristhia Falchetti Ballerani – grazie all’espletamento delle singole fasi del procedimento per la rilevazione del fabbisogno e della capacità assunzionale, e dei dati relativi all’incontro tra la domanda e l’offerta di mobilità, pubblicato sul portale Mobilità.gov che funge da banca dati e piattaforma di mediazione tra gli Enti e la Funzione Pubblica”.
I tre vigili, attualmente assegnati alla direzione municipale, il cui responsabile è il comandante Federico Boccolini,  saranno impiegati nei servizi più necessari all’Ente, anche in considerazione degli indirizzi enunciati sia dalla Giunta che dal Consiglio Comunale, esplicitati anche in atti di indirizzo, che richiedono una maggiore attenzione ai controlli ambientali, materia in cui i tre neo assunti sono specializzati.

“Sono molto soddisfatta dell’esito della procedura che conclude un procedimento innovativo, portato a compimento dagli uffici del Personale con fattiva collaborazione e grande impegno. Con il potenziamento delle risorse umane del Corpo della Polizia Municipale, la Giunta centra un ulteriore obiettivo che è quello del rispetto della legalità e del miglioramento della vivibilità cittadina garantendo ai cittadini una percezione di maggiore vicinanza dell’Amministrazione alla vita quotidiana dei propri abitanti. Un plauso – conclude l’assessore Falchetti Ballerani – va  agli uffici che hanno svolto un ottimo lavoro. E’ auspicabile che entro la fine dell’anno la Funzione Pubblica possa rispondere alla richiesta da noi inviata di altre cinque unità, richiesta resa possibile grazie all’apertura della seconda fase dell’iter procedurale, nel rispetto degli impegni economici e della copertura finanziaria e del fabbisogno di  8 unità complessive”.