Leoncelli, Serafini e Maneschi: “Rosati e Egidi volano a rasoterra “

Riceviamo e pubblichiamo

(NewTuscia) – TARQUINIA – Caro Rosati, abbiamo capito che non sei all’altezza di poter ricoprire il ruolo di segretario, visto che per i comunicati hai bisogno del supporto del provinciale, il quale attacca scrivendo illazioni senza nemmeno conoscerci.

I problemi del vostro partito sono sotto gli occhi di tutti.:all’Università Agraria siete il teatrino della città, dove addirittura la maggioranza sul tema immigrati si è spaccata non votando il documento prodotto da voi stessi.
La vostra amministrazione comunale ha il tempo contato, viste le troppe lacune amministrative, pochi e soli uomini al comando di una città, isolati e chiusi nelle stanze del potere.
Riguardo al consiglio comunale sugli immigrati il vostro Sindaco è stato abbandonato dai suoi stessi assessori, consapevoli di non aver prodotto un buon documento, lontano dalle esigenze delterritorio e dei suoi cittadini e proprio per questo è stato ritirato, mettendo in evidenza la vostra incapacità amministrativa.
Per quanto riguarda la commissione continuiamo a ribadire la nostra piena contrarietà all’istituzione di un campo profughi alla ex polveriera e su tutto il territorio tarquiniese.
E ribadiamo la nostra totale contrarietà ad un accoglienza nel nostro comune,  visto che non si conoscono numeri e condizioni.
Caro Egidi, siete ridotti al minimo storico e prossimi alla scomparsa, volevamo ricordarti che in città siete poco più del 15% (vedi elezioni Università Agraria), comune tarquiniasarebbe opportuno che su tematiche così importanti vi confrontaste con la popolazione, indicendo un consiglio comunale aperto, mantenendo un clima cordiale e democratico. E non come l’ultima volta,quando qualcuno si è ridotto a esternare parole offensivo nei confronti della platea.
Leoncelli Maurizio, Serafini Pietro e Maneschi Marcello