(NewTuscia) – ROMA – “Sin dal suo insediamento, con la scelta di tenere per se la delega al turismo, affid

Il presidente della Regione Lazio, Nicola ZIngaretti

Il presidente della Regione Lazio, Nicola ZIngaretti

ando al “fido” Bastianelli la guida dell’ agenzia regionale, il fratello del commissario Montalbano – lui si che ha saputo generare flussi turistici verso un piccolo ma particolarissimo villaggio del nostro Paese – poco o nulla ha prodotto per il turismo regionale, alla luce dei risultati. E a nulla è bastato scimmiottare un piano strategico, partecipare con “straordinarie” risorse ad Expo ma alla fine in modo poco produttivo, elaborare nuovi regolamenti per il turismo, che peraltro sono stati bocciati dal Tar. Alla fine Zingaretti è stato poi in modo fugace e repentino abbandonato dallo stesso fidato  stratega ( appunto Bastianelli), profumatamente pagato che ha notte tempo deciso di lasciare il Lazio per dedicarsi, forse anche illegittimamente, alla guida dell’ente nazionale del turismo, attualmente in via di scioglimento e trasformazione.

Ora che ad occuparsi della materia a tempo pieno è il vice presidente Smeriglio – senza nulla togliere alla dott.ssa Longo che al momento è responsabile ad interim e che ha sostituito, certamente con minori oneri per i contribuenti, lo stratega suo predecessore –  speriamo che si possa arrivare ad una guida certa per l’agenzia e a scelte programmatiche e strategiche condivise per il turismo regionale. Roma e il Lazio ne hanno davvero bisogno”

 Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.