Meditazione, effetti e benefici (Seconda parte)

Maria Rosaria Alaimoolisticamente benessere

Meditazione,  effetti e benefici

Seconda parte

“Meditare significa rallentare la corsa precipitosa del tempo, al fine di introdurre in sé un ritmo, una pace e una luce che lasceranno a lungo la loro impronta”

(Omraam Mikhael Aivanhov)

Con questa massima, desidero parlarvi oggi della meditazione come mezzo per essere presenti nel qui e ora. I ritmi pressanti della vita quotidiana, i vari problemi da affrontare più o meno gravosi, spesso ci inducono inconsciamente a sfuggire dalla realtà per rifugiarci nell’idea del domani, nell’avvenire, oppure nel rimanere ancorati nel passato.

Ma rimanere proiettati troppo  a lungo nel futuro che avverrà o ancorati al passato, rischia di isolarci ed alienarci dalla realtà, per poi ritornare  immancabilmente allo stato attuale con un senso di profonda angoscia, ansietà, frustrazione e senso di disagio che sicuramente minerà la nostra vita, per non parlare poi dei vari Se … se avessi fatto questo o quest’altro, se avessi agito cosi anzichè in quell’altro modo …”. Non portate l’attenzione della vostra mente su questi inutili e sabotanti  pensieri, davvero, non serve a niente, avete fatto e vi siete comportati nell’unico modo possibile ed adeguato a quel determinato tempo, ma adesso siete qui ed ora ed è tutta un’altra storia.

Dobbiamo imparare a vivere e convivere con il presente perchè è davvero tutto ciò che abbiamo e la nostra serenità nasce proprio  da qui, e di conseguenza anche il nostro futuro. Impariamo soprattutto a saper affrontare il momento attuale nella giusta maniera, perchè nulla è piu vero del momento presente del qui e ora, giacchè il domani nessuno può predirlo  ed il passato, appunto è ormai andato, rischiando così di perderci tutto ciò che ci riserva il nostro presente. Anche se magari non è esattamente come lo vorremmo, sono certa che comunque ha tanto da offrirci, da vivere , da assaporare giorno dopo giorno. Essere presenti nel QUI E ORA,  quindi, significa prenderci cura di noi stessi, essere centrati, essere un tutt’uno con il mondo che ci circonda e, ancor di piu’, essere parte dell’Universo intero come cellule facenti parte del Tutto, perchè questo siamo davvero. Ciò comporta innanzitutto l’accettazione del proprio stato, buono o meno che sia perchè qualsiasi cosa ci accada, è li per un insegnamento  di vita,  che ci aiuterà ad essere individui migliori , se ne sappiamo cogliere il vari aspetti come esperienza da cui trarne profitto per la nostra evoluzione umana e sprituale.

L’aspetto più importante è quindi accettare ed accettarsi, così come si è e, se cì sono aspetti di noi che non ci piacciono, mettersi al lavoro per cambiarli e di certo ciò aumenterà sicuramente la nostra autostima. Ecco che la meditazione ha lo scopo di renderci consapevoli del momento presente e quindi aumentare la nostra  capacità di attenzione e concentrazione, all’esterno e soprattutto all’interno di noi stessi, rendendoci  così  nella consapevolezza, pronti a cogliere tutte le sensazioni che il nostro corpo e la nostra mente  ci invia. Il beneficio che se ne trae è notevole  e puo’ essere  di molto aiuto anche nell’ affrontare alcuni momenti di stanchezza psico-fisica e per ritrovare l’armonia.

Vi lascio con una famosa domanda di origine zen:  “se non ORA, quando?”.

Buona Meditazione …

Namastè,