LUPI AL GUINZAGLIO, QUANDO LA MODA DIVENTA PERICOLOSA: L'ESPERTO PAOLO CALDORA PARLA AI MICROFONI DI RADIO CITTA' APERTA


07/07/2015

 “[…]Vieni qui, Frate lupo; io ti comando dalla parte di Cristo che tu non facci male nè a me, nè a persona. Mirabile cosa! immantinente che san Francesco ebbe fatta la Croce, il lupo terribile chiuse la bocca, e ristette di correre: e fatto il comandamento, venne mansuetamente, come un agnello, e gittossi ai piedi di san Francesco a giacere…Udite, fratelli miei: Frate Lupo, che è qui dinanzi da voi, m’ha promesso e fattomene fede di far pace con voi, e di non offendervi mai in cosa nessuna; e voi gli promettete di dargli ogni dì le cose necessarie; ed io v’entro mallevadore per lui, che ’l patto della pace egli osserverà fermamente[...]”

                     

                           (CAPITOLO XXI. Del santissimo miracolo che fece san Francesco

                                                 quando convertì il ferocissimo lupo d’Agobio)

Beatrice Lo Bue

(NewTuscia) - ROMA - Si fanno patti fra uomini e lupi? L’aneddoto di San Francesco, pur nella consapevolezza del valore fortemente  simbolico della vicenda tra uomo e animale, lascia inalterato un principio comunque sacrosanto: quello del reciproco rispetto tra due esseri che possono nuocere seriamente l’uno all’altro. Ora, posto che non abbiamo le soprannaturali qualità del ‘Poverello d’Assisi’, esclusa la collaborazione della ‘santità’, dobbiamo tenerci stretti rispetto, consapevolezza ed esperienza. Quella che vi andiamo a proporre è un’esclusiva intervista, rilasciata dall’esperto educatore cinofilo Paolo Caldora per i microfoni di  Radio città aperta (FM 88.9), sul tema della pericolosa moda del ‘lupo al guinzaglio’.

Raccomandiamo la massima attenzione nell’ascolto dell’analisi di una pratica, quella del prendere con sé ibridi di lupo, sempre più diffusa e  che sta avendo risvolti decisamente preoccupanti.  Si prende un ibrido per la sua bellezza, per il gusto della contemplazione di un essere sicuramente imponente, affascinante e di raro splendore ma che, essendo creatura naturale al 100%, manca dei geni dell’autocompiacimento, della vanità o del trarre piacere e profitto dal proprio aspetto.  A madre natura non interessa l’apparenza  o il business, quindi,  ha del folle non tenere presenti certe caratteristiche e dinamiche quando ci si avvicina a determinate razze (Lupo Cecoslovacco, Lupo diSaarlos e via dicendo).

Essere ‘guide sicure, autorevolezza e determinazione’, le doti necessarie per convivere con queste creature; alta mordacità, aggressività, randagismo e sentenze di eutanasia sono invece i risultati e le risposte ottienibili da chi si accosta al lupo come fosse un trofeo, con lo scopo di compensare ciò che manca al proprio inutile ego. La contemplazione si addice alla Gioconda, non a certi esseri viventi. Si lasci Frate Lupo vivere in natura e ci si assicuri che gli ibridi vengano allevati solo da esperti (attenzione, quelli veri! Ultimamente in troppi si riempiono bocca e muri di titoli estorti, poco o per nulla supportati dall’esperienza): questo, è l’uinico patto che ha senso onorare!

Paolo Cadora è  iscritto alla sezione C, educativo-cinofila, dell'Albo Regionale degli Esperti per corsi indirizzati ai cani appartenenti alle razze riferite all'articolo 1 comma 1 della legge n. 33 del 6 ottobre 2003 (pitbull, staffordshire terrier, staffordshire bull terrier, bullmastiff, dogo argentino, dogue de Bordeaux, fila brasileiro, cane corso e loro incroci) e relativi proprietari con protocollo 63815 determinazione 696 del 9 marzo 2006; iscritto alla sezione 1° dell’Albo nazionale degli addestratori cinofili dell’ENCI (Ente nazionale Cinofilia Italiana) secondo il D.M. 21204, con protocollo 45401 FC/AP/ro  14 dicembre 2006

 

LUPI AL GUINZAGLIO, INTERVISTA ALL'ESPERTO PAOLO CALDORA : PER ASCOLTARLA CLICCA QUI

  • CANE QUOTIDIANO
  • "INFINITI OCCHI ABBANDONATI": IL CANE NEI VERSI DI LOREDANA MONALDI
  • CARO 'SAPIENS', IO SONO UN CANE
  • VIVERE CON UN CANE, 'LE 10 REGOLE D'ORO': ANATOMIA DI LUOGHI COMUNI
  • “VORREI TANTO AVERE UN CANE MA”: ECCO I 'SE' SU CUI RIFLETTERE
  • SALVARE BOBBY DALLA SOPPRESSIONE? NON SERVONO FIRME: ECCO COME FARE
  • CANI KILLER, UNA CREAZIONE UMANA: INTERVISTA ALL'ESPERTO PAOLO CALDORA
  • L'ESPERTO RISPONDE: UN SECONDO CANE IN FAMIGLIA, COME PREPARARE IL PROPRIO AL NUOVO ARRIVO?
  • “VORREI SOLO CHE IL MIO CANE”: LA SAGRA DELLE PRETESE UMANE
  • "IO SONO UNO, MA NON SONO CHE PARTE DI UNO": IL CONCETTO DI VITA E MORTE NEI CANI
  • I CANI: BUONI O CATTIVI?
  • IL CANE NELLA FAMIGLIA E PER LA FAMIGLIA: CIBO, CURE, EDUCAZIONE E COLLABORAZIONE
  • LUPI AL GUINZAGLIO, QUANDO LA MODA DIVENTA PERICOLOSA: L'ESPERTO PAOLO CALDORA PARLA AI MICROFONI DI RADIO CITTA' APERTA
  • PSEUDO ANIMALISMO: IL BUSINESS DELLA SOFFERENZA