VITERBO, AL VIA IL PROGETTO 'NATURAMICA': LA PET THERAPY COME STRUMENTO RIABILITATTIVO

03/04/2012 : 09:57

(NewTuscia) - VITERBO - L’11 aprile prenderà avvio il progetto “NaturAmica”, proposto dal direttore del Distretto 2 della Ausl di Viterbo, Fabiola Cenci, e finanziato dalla Fondazione Cassa di risparmio di Civitavecchia.

Il progetto intende sperimentare un intervento di pet therapy, nel campo di applicazione denominato Attività svolte con l’ausilio di animali (AAA), come strumento riabilitativo e di supporto psico-fisico di bambini e adulti con disabilità cognitiva, affettivo-relazionale e neuromotoria. Questi interventi si realizzeranno attraverso una relazione con funzionalità terapeutica che si instaura tra l’uomo e l’animale, un rapporto capace di evocare nei pazienti disposizioni psicologiche ed emotive favorevoli alla scoperta e al miglioramento di abilità e performance riferibili alle aree psicolomotoria, psicologica, socio affettiva ed educativa.

Nello specifico, si realizzeranno due distinti percorsi di pet  therapy che coinvolgeranno come animali gli asini e saranno rivolti a un gruppo di 7 soggetti in età evolutiva in carico alla Unità operativa di Neurpsichiatria infantile e a un gruppo di 7 adulti con disabilità che frequentano il Centro socio riabilitativo Capotorti, tutti residenti nei comuni del Distretto socio sanitario VT/2.

Il progetto è stato presentato alle famiglie dagli operatori del Distretto 2 della Ausl di Viterbo mercoledì 28 marzo presso il maneggio che l’azienda Agri.mus di Chiara Vetere e Italo Castore, in Località Fontanil della Torre a Tarquinia, ha messo a disposizione per la realizzazione delle attività.

L’iniziativa si concluderà entro l’anno 2012 con un evento di carattere pubblico.

 

 

Condividi

Attivita'

Cop. 2012 NewTuscia - Edit.: ASD. Nuova Tuscia P.I.: 02082380565 - Autor. Trib. VT n. 13/08 del 17/09/2008 - REA: 151534
[tmp: 0,06] [23/11/2014 21:40:50]