Parità di genere, le migliori iniziative messe in campo dalle aziende in tutto il mondo

NewTuscia – Un mondo che parla sempre più femminile, quello contemporaneo, in tutti i sensi. Mentre il dibattito sulla parità di genere continua a tenere banco e le iniziative per la giornata mondiale contro il femminicidio si moltiplicano, c’è anche chi si muove in maniera nettamente più concreta e tangibile. Si tratta delle aziende, che hanno dato una svolta decisamente pink al proprio aspetto da quando si è messo in campo un nuovo modo di approcciare al gentil sesso, ridimensionando la condizione lavorativa della donna. In che modo si stanno portando avanti determinati progetti? In un certo senso si è mosso lo Stato, dando via al bonus per l’assunzione di donne, particolarmente per quelle in difficoltà, con tanto di domanda presentabile all’INPS da novembre 2021.

Altri settori si sono mossi nella stessa direzione. Il caso emblematico è quello del mondo del gambling online. 888, casino online di fama internazionale, ha aderito a Valore D, associazione di punta che mira al corretto raggiungimento della parità di genere sui luoghi di lavoro. Come? Lanciando un nuovo programma per i dipendenti, SheLEADS, che mira all’accelerazione dello sviluppo delle donne negli uffici che l’operatore ha in tutto il mondo.  Nell’ambito dell’iniziativa, 31 dipendenti di sesso femminile sono state selezionate come “SheLEADERS” e nelle prossime otto settimane si incontreranno per sessioni di sviluppo settimanali guidate da esperti esterni volti a migliorare le loro competenze. Un passo in avanti verso il futuro da parte di un brand del gioco online affermato come 888.

Poi molte altre realtà aziendali stanno facendo la loro parte, in maniera specifica quelle legate a maison e beauty brand. Da Dior ad Acqua di Parma sono stati messi in campo dei progetti per le donne e con le donne, iniziative speciali per rendere il lavoro del gentil sesso più equo che mai e vicino al mondo maschile.

Il popolare brand “Dior” ha lanciato gli hashtag #Diorstandswithwomen e #Diorchinup, sostenuti da un gruppo di undici donne, tutte con una storia particolare alle spalle. Charlize Theron, per esempio, è uno dei volti delle campagne, al fianco di Leyna Bloom, Parris Goebel, Pamela Tulizo, Carole Biancalana, Marina Cavazzana, quest’ultima pioniera della genetica. Sulla stessa falsariga si è mossa L’Oreal Paris, ideando una Stand Up, con un programma internazionale di formazione contro le violenze in luoghi pubblici, in sinergia con l’Associazione ONG Hollaback.

L’azienda ha poggiato l’iniziativa su uno studio, condotto con IPSOS e vari ricercatori della Cornell University, secondo cui il 78% delle donne è stata vittima di molestie in pubblico, con un misero 25% che ha dichiarato di aver soccorso qualcuno. La maggioranza del campione, pari all’85%, ha dichiarato di non sapersi comportare in determinate situazioni.

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21