Regole su auguri e di genere dell’Ue, Procaccini: “Altro schiaffo ai nostri valori”

NewTuscia – ROMA – “E’ un altro schiaffo ai valori, alle radici culturali dell’Unione Europea, un documento delirante che va contro lo stesso principio di inclusività che lo avrebbe ispirato. Una pagina buia che va a minare anche gli insegnamenti scolastici, oltre che la libertà di espressione” 

E’ quanto afferma l’Europarlamentare di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini, componente della commissione libertà civili e giustizia del Parlamento UE, che ha presentato una interrogazione alla Commissione UE sul documento che disciplina la comunicazione. 

“Il documento della Commissione pretende di imporre regole folli nella comunicazione interna ed esterna dei propri uffici, che vanno dal vietare l’utilizzo del pronome maschile o femminile, al divieto per i dipendenti di augurarsi buon Natale o di utilizzare nei loro documenti espressioni vagamente riferibili alla religione cristiana o alla differenza di genere. E’ l’ennesimo sfoggio di burocrazia alieno al buon senso e alla cultura che definisce la nostra identità politica. Ancora una volta le istituzioni UE, invece di rafforzare e cementare ciò che unisce i popoli d’Europa, lavorano per distruggerne il senso di appartenenza” 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21