Premio “Storie di alternanza”: coinvolti oltre 3mila studenti, 244 scuole e enti formativi, 335 progetti in gara

Primi classificati: Associazione Centro ELIS (Roma), Istituto di Istruzione Superiore “Podesti Onesti” (Ancona), Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi (Modena), Fondazione ITS per la Mobilità Sostenibile Aerospazio/Meccatronica (Torino)

NewTuscia – VERONA – Una edizione rinnovata, 4 le categorie in gara, quasi 3.300 studenti coinvolti, 244 Scuole, Fondazioni ITS (Istituti tecnici superiori) e Centri per la formazione professionale partecipanti e oltre 330 progetti inviati: è questo il bilancio della IV Edizione del Premio “Storie di alternanza”, promosso da Unioncamere e da 41 Camere di commercio per dare visibilità a racconti di alternanza e/o apprendistato realizzati nell’ambito di percorsi di formazione ITS, di percorsi duali o di Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO). Dodici le scuole/enti formativi (Licei, Istituti tecnici e professionali, ITS e CFP) che si sono aggiudicate l’ambito riconoscimento consegnato oggi nell’ambito della trentesima edizione di Job&Orienta, il salone dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro 2021. I progetti sono stati elaborati e realizzati con il contributo di docenti, studenti e giovani degli Istituti Tecnici Superiori, degli Istituti scolastici italiani del secondo ciclo di istruzione e formazione e dei Centri di Formazione Professionale, con la collaborazione dei tutor esterni/aziendali.

I Ministri dell’Istruzione e del Lavoro, Patrizio Bianchi e Andrea Orlando, hanno voluto inviare un messaggio ai ragazzi presenti all’iniziativa. Il Ministro Bianchi ha sottolineato che il progetto “è un prezioso modello di educazione e formazione che coinvolge tutte le comunità scolastiche in uno scambio di idee ed esperienze”. Il Ministro Orlando ha invece evidenziato come i premi assegnati siano “a valle di un percorso di sicuro interesse e che rappresenta la strada sulla quale lavorare per rafforzare le competenze e rendere il nostro Paese più competitivo, con un sistema di incontro tra domanda e offerta di lavoro più efficace”.

Anche nel 2021, è stato ampio il coinvolgimento dei docenti, degli studenti e delle imprese nelle varie iniziative di alternanza e/o apprendistato finalizzate a creare un circolo virtuoso per sostenere nei giovani l’acquisizione e il rafforzamento delle competenze da spendere poi nel mondo del lavoro.

L’impegno a raccontare le “storie” delle esperienze realizzate dai ragazzi si concretizza in un ampio coinvolgimento territoriale con il 65% dei progetti che provengono da Istituti/Enti di Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte, Marche, Puglia e Campania, una testimonianza del valore educativo e di collante tra docenti, studenti e realtà sociali e produttive dei territori che le attività di alternanza possono rivestire anche in questa nuova difficile fase.

I 335 progetti presentati dimostrano che gli studenti si sono confrontati con una ampia varietà di opportunità formative che le scuole, insieme alle imprese e alle istituzioni dei territori hanno offerto loro. Tra le tematiche nel cui ambito si sono realizzate le esperienze di alternanza la più gettonata è la Sostenibilità ambientale (20%), seguono Attività sociali/Welfare e Comunicazione (ognuna 13%), Beni culturali e Applicazioni web (ognuna 11%), Meccatronica e Ristorazione/Turismo (ognuna 9%), Marketing (6%), seguono Management, Design/moda, Specificità territoriali/produzioni dei distretti e Sport/intrattenimento (complessivamente 10%).

Nel complesso sono stati 2.382 i progetti presentati nel corso delle sette sessioni che si sono susseguite dall’istituzione del premio nel 2017 e che hanno coinvolto oltre 27mila studenti.