Nepi, convegno sui più recenti scoperte archeologiche

NewTuscia – NEPI – Nepi è una cittadina molto antica che, a differenza di altri centri della Tuscia viterbese, ha avuto una occupazione ininterrotta a partire dalla sua fondazione alla fine dell’VIII secolo a.C.

Ogni epoca vi ha lasciato testimonianze importanti, se non eccezionali: basti citare i corredi provenienti dalla necropoli di località “Sante Grotte”, la catacomba di Santa Savinilla, un cimitero paleocristiano monumentale tra i più notevoli del centro Italia, o le possenti mura di cinta della città progettate da Antonio da Sangallo “il Giovane”, splendido esempio di architettura militare del Rinascimento.

Questo ricco patrimonio culturale è ancora in corso di studio ed è destinato ad arricchirsi a seguito di nuove scoperte. Da anni il Comune di Nepi, insieme al Museo Civico, promuove iniziative, in collaborazione con gli Enti territoriali, le Università e le Soprintendenze, volte ad accrescerne la conoscenza.

Nei giorni 29 e 30 ottobre si svolgerà un Convegno che andrà a delineare il quadro delle conoscenze sulla cittadina di Nepi, nel campo degli studi storici e archeologici, alla luce delle più recenti scoperte.

All’interno del programma, sviluppato secondo un percorso cronologico, saranno altresì presenti interventi focalizzati su specifici temi artististici e storici che hanno come oggetto le vicende  della cittadina  fra il ‘400 e il ‘500. Si parlerà anche delle attività di restauro promosse e attuate dalla SABAP VT – EM e di progetti futuri.