La Rete delle feste delle grandi Macchine a spalla in onda su Rai Storia

NewTuscia – VITERBO – La Rete delle feste delle grandi Macchine a spalla in onda su Rai Storia (canale 54 del digitale terrestre) il prossimo 24 ottobre alle ore 21,10. La puntata rientra nella campagna di comunicazione Rai Cultura realizzata in collaborazione con il MiC, dedicata ai 14 elementi italiani del Patrimonio culturale immateriale iscritti nella Lista Rappresentativa UNESCO. 14 puntate che raccontano le feste, tra queste anche quella di Santa Rosa insieme alle altre della Rete delle grandi Macchine a spalla.

“Dopo aver ammirato Gloria in piazza del Plebiscito per oltre venti giorni, nel periodo a ridosso della festività di Santa Rosa e in attesa di vivere di nuovo l’emozione del Trasporto della Macchina – sottolinea il sindaco Giovanni Maria Arena – il prossimo 24 ottobre, grazie a Rai Cultura, al MiC e al prezioso supporto della coordinatrice della Rete delle grandi Macchine a spalla Patrizia Nardi, vedremo alcuni momenti della nostra festa e di quelle delle altre città della Rete che insieme a noi condividono il prestigioso riconoscimento Unesco”. “Ancora una volta Rai Cultura permetterà a migliaia di persone di poter ammirare il fascino e la bellezza della nostra immortale tradizione – ha aggiunto l’assessore alla cultura e al turismo Marco De Carolis -. La pandemia ha solo sospeso le nostre feste. Ci auguriamo tutti di poter tornare a vivere, e non solo a vedere, quello che per noi rappresenta un inestimabile patrimonio di emozioni e fede”.
“Anche stavolta un gioco di squadra rilevante tra l’ottimo team RAI guidato dal regista Eugenio Farioli Vecchioli e il nostro gruppo che, insieme al regista Francesco De Melis, lavora agli audiovisivi di Rete delle Macchine – ha spiegato Patrizia Nardi, responsabile tecnico-scientifico progetto Unesco -. Le “pillole” di RAI Cultura, insieme allo speciale dedicato ai Patrimoni immateriali UNESCO italiani, arricchiscono notevolmente il nostro piano di comunicazione e la proiezione nazionale e internazionale delle nostre feste. Continueremo a lavorare con lo spirito di condivisione che ci contraddistingue”. 
La programmazione è partita lo scorso 18 ottobre con l’opera dei Pupi, il 19 è andata in onda la puntata dedicata al saper fare liutario di Cremona. Ieri sera la dieta mediterranea. Stasera sarà la volta dell’arte del ‘pizzaiuolo’ napoletano. Domani 22 ottobre si parlerà dell’arte musicale dei suonatori di corno da caccia, il 23 della pratica agricola tradizione della coltivazione della ‘vite ad alberello’ della comunità di Pantelleria. Il 24 ottobre, come già detto, si parlerà della Rete delle grandi macchine a spalla. Il 25 la puntata sarà dedicata alla falconeria, un patrimonio umano vivente. A seguire il 26, La transumanza. Il movimento stagionale del bestiame lungo gli antichi tratturi nel Mediterraneo e nelle Alpi. L’alpinismo sarà il tema della puntata del 27 ottobre, l’arte delle perle di vetro quello del 28. Seguiranno il canto a tenore sardo il 29 ottobre, l’arte di muretti a secco il 30 e la Perdonanza celestiniana il 31 ottobre.

A partire dal 25 ottobre sarà inoltre trasmessa la versione inglese su Rai Scuola, alle ore 21. I filmati saranno infine disponibili anche sul sito di Rai Play e a breve anche sui siti del ministero.