Rete fognaria in località Sodarella a Vitorchiano ancora caso irrisolto. I residenti chiedono un confronto con i candidati Sindaco

NewTuscia – VITORCHIANO – Con la presente vogliamo portare a conoscenza della cittadinanza tutta una complessa situazione che coinvolge gran parte degli immobili presenti in località Sodarella nel comune di Vitorchiano, una criticità che quindi riguarda i relativi proprietari e l’Amministrazione Comunale.

La spinosa questione nasce dalla necessità di messa a norma e presa in carico della rete fognaria della zona Sodarella (ex lottizzazione Costantini) da parte dell’Amministrazione Comunale.

Sono in pochi a sapere che la rete fognaria realizzata dai vecchi lottizzanti non fu mai presa in carico dal Comune in quanto non a norma e priva dell’autorizzazione dell’Amministrazione Provinciale (vedi delibera del Consiglio Comunale n.73 del 1997) …quindi probabilmente neanche collaudata.

Questa situazione e la mancata collaborazione del Comune quando il problema è stato sottoposto all’amministrazione uscente, ha portato ad un contenzioso con richieste risarcitorie a sei zeri (vedi Delibera di Giunta n. 53 del 25/06/2021) tra il Comune stesso e due società di cui di una ne sono il legale rappresentante. Il Comune infatti, per la nomina del legale difensore, ha gia speso oltre 7000€ dei contribuenti (vedi Delibera di Giunta n.75 del 20/10/2020) e probabilmente ne dovrà spendere molti di più.

La questione con le società avrà il suo corso in tribunale e credo che sarà destinata a gravare anch’essa pesantemente sulla tasche dei vitorchianesi.

Sarà comunque la giustizia ad accertare le responsabilità ed i relativi risarcimenti.

A tutt’oggi comunque la situazione della rete fognaria della Sodarella  è rimasta grave ed irrisolta, e sia noi che gli abitanti della zona Sodarella chiediamo delle risposte ai seguenti quesiti:

A CARICO DI CHI SARÀ  LA MANUTENZIONE DELLA RETE FOGNARIA?

PERCHÉ IL COMUNE HA CONTINUATO AD AUTORIZZARE LOTTIZZAZIONI E NUOVE COSTRUZIONI INCASSANDO I RELATIVI ONERI QUANDO ERA PERFETTAMENTE CONSAPEVOLE DEL PROBLEMA?

PERCHÉ IL COMUNE NON HA MAI ESCUSSO LE FIDEIUSSIONI A GARANZIA DELL’ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DELLA VECCHIA LOTTIZZAZIONE COSTANTINI?

DA DOVE PRENDERÀ ORA I  SOLDI CON CUI POTREBBE SANARE QUESTA ENORME IRREGOLARITÀ ?

AVENDO DICHIARATO NELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.73 del 1997  “LO SCARICO DEL COLLETTORE FOGNANTE PRECARIO E NON FORMALMENTE A NORMA”, COME HA FATTO IL COMUNE A RILASCIARE IL CERTIFICATO DI ABITABILITÀ ALLE ABITAZIONI AD ESSO COLLEGATE O AD ACCETTARE LE SUCCESSIVE DICHIARAZIONI DI AGIBILITÀ?

ABITABILITÀ E AGIBILITÀ CONCESSE, SONO DA RITENERSI VALIDE O NULLE IN QUANTO PRIVE DEL REQUISITO IGIENICO SANITARIO?

IL DEPURATORE A SERVIZIO DEL CENTRO STORICO, È DIMENSIONATO PER RICEVERE ANCHE I REFLUI PROVENIENTI DALLA RETE FOGNARIA DELLA SODARELLA?

QUANDO VERRÀ COMPLETATA LA MESSA A NORMA DEL DEPURATORE A SERVIZIO DEL CENTRO STORICO SU CUI ATTUALMENTE GRAVANO I REFLUI DELLA ZONA SODARELLA?

Per accendere i riflettori su questo problema, abbiamo creato un gruppo e una pagina Facebook in modo da informare della situazione tutti gli interessati.

Ci aspettiamo delle risposte chiare e puntuali dall’Amministrazione Comunale e per questo siamo a richiedere un confronto tra i due candidati a Sindaco affinché il futuro Primo Cittadino, chiunque sia tra i due contendenti, si impegni nei nostri confronti per una definizione rapida e definitiva del problema.