Rotary Club Viterbo: inaugurazione mostra “Fellini: Viterbo e il sogno”

NewTuscia – VITERBO – Fellini torna protagonista in città con la mostra pensata per il centenario dalla nascita, organizzata per lo scorso anno e non realizzata per l’emergenza sanitaria. Domani, finalmente, le preziose opere degli archivi Baglivo, Burchiellaro e Catozzo saranno esposte nella Chiesa degli Almadiani, arricchite dal documentario che racconta episodi ed aneddoti unici, “100 volte Fellini”, proiettato nella versione con sottotitoli in inglese e, a richiesta, audiodescritto per non udenti,

Una vera soddisfazione per il Rotary club Viterbo, sia della past president che l’aveva pensata lo scorso anno, Simona Tartaglia, oggi anima del progetto, insieme al Rotary Club Civitavecchia, che per il presidente del club viterbese, Stefano Bianchini, che sottolinea: “Sono orgoglioso che il nostro Club, ed in particolare la nostra socia Simona Tartaglia, abbiano realizzato una mostra di tale livello e vorrei che tutta la città di Viterbo partecipasse a questo importante evento culturale”.

“Fellini: Viterbo e il sogno” raccoglie l’animo personale del regista, quello dietro le quinte, vissuto in prima persona da uno dei sui scenografi più amati, Giantito Burchiellaro, che ha aperto il suo scrigno segreto fornendo i bozzetti realizzati per  “Casanova” e “Giulietta degli Spiriti”,  restituendo tutta la magia “dell’onirico felliniano” riscontrabile anche nel libro sui sogni descritto nel documentario dal dottor Pierluigi Innocenti. Si racconta poi il lato ludico di Fellini attraverso bozzetti, disegni e caricature del Maestro, conservati dall’archivio privato di Leo Catozzo, grazie agli eredi che li rendono disponibili insieme alla storica “pressa Catozzo”, ideata dal montatore per adeguare i tempi e le richieste del regista, un oggetto diventato poi indispensabile in ogni sala montaggio analogica, utilizzata per decenni fino all’arrivo del digitale, ed oggi ancora necessaria nei restauri delle pellicole storiche. Infine gli scatti fotografici unici delle scene dei backstage provenienti dall’archivio di Donatella Baglivo, che restituiscono il Fellini dietro le quinte.

I tre protagonisti, Donatella Baglivo, Giantito Burchiellaro e Alberto Catozzo, figlio di Leo, incontreranno i visitatori dopo la cerimonia inaugurale per una conferenza sul Maestro.

Sempre nella sala saranno esposte opere scelte e premiate realizzate per il concorso “100 volte Fellini”, indirizzato agli studenti del Liceo Artistico Francesco Orioli di Viterbo e le opere dedicate al Maestro da Fiorenzo Mascagna, artista viterbese che ha saputo, con la sua multidisciplinarietà, imporsi nel panorama culturale nazionale.

L’esposizione si concluderà il 14 settembre con un finissage animato da Antonello Ricci, folletto narrante del documentario, e alcuni ospiti che porteranno la loro testimonianza ed esperienza.

La mostra sarà inaugurata domani, 8 settembre 2021, alle 18 presso la Chiesa degli Almadiani e resterà visitabile ogni pomeriggio fino al 14 settembre, dalle 16 alle 20 (sabato 11 anche al mattino dalle 10,30 alle 12,30) con il rispetto della normativa vigente anti-covid.

Il Rotary Club Viterbo ringrazia il Comune di Viterbo per il patrocinio e il sostegno.

Rotary Club Viterbo – Distretto 2080