Furto, lesioni e favoreggiamento: tre denunce a Rieti dai Carabinieri

NewTuscia – RIETI – I Carabinieri della Compagnia di Rieti, nel corso degli ordinari servizi predisposti per il controllo della c.d. movida notturna, hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria tre giovani del capoluogo.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, alcune sere fa, sono dovuti intervenire in zona Borgo, a seguito di richiesta di intervento pervenuta sul 112 Numero Unico di Emergenza, per i rumori molesti provenienti dall’area interna di un condominio. Sul posto venivano avvicinati da una ragazza la quale riferiva di essere stata poco prima derubata del portafoglio contenente 50 euro mentre si trovava seduta su una panchina del Lungovelino Bellagamba da una ragazza a lei sconosciuta che aveva approfittato di una sua momentanea distrazione. La stessa, notata dai suoi amici, era stata immediatamente bloccata e costretta restituire il portafoglio riuscendo tuttavia a divincolarsi e a rifugiarsi all’interno di un’abitazione nei paraggi.

I Carabinieri rintracciavano subito l’autrice del furto e la trovavano in compagnia di un ragazzo in evidente stato di ebrezza alcolica che presentava evidenti lesioni al volto, quindi ricostruivano nel dettaglio l’intera vicenda ed accertavano che, a seguito del furto, il ragazzo era intervenuto in aiuto della responsabile, sua amica, cercando di sottrarla all’ira della vittima e dei suoi amici. Tuttavia non era riuscito a calmare gli animi venendo a sua volta aggredito con calci e pugni da un amico della ragazza derubata che gli procurava gravi lesioni su tutto il corpo.

Al termine degli accertamenti la Compagnia Carabinieri di Rieti ha deferito in stato di libertà all’A.G.:

  • la ragazza responsabile del furto, 35enne reatina, al momento dei fatti già sottoposta all’obbligo di dimora presso la propria abitazione nelle ore notturne;
  • l’autore dell’aggressione nei confronti del ragazzo intervenuto in soccorso dell’autrice del furto, 31enne reatino, responsabile del reato di lesioni personali;
  • il ragazzo aggredito, 49enne anche lui reatino, responsabile di favoreggiamento, per aver cercato di garantire la fuga dell’autrice del furto.

La ragazza responsabile della sottrazione del portafoglio, nei giorni successivi, è stata arrestata e posta agli arresti domiciliari in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Tribunale di Rieti che, a seguito dell’accertata violazione della misura cui era già sottoposta, ha disposto l’aggravamento della misura dell’obbligo di permanenza domiciliare nelle ore notturne già in atto.

Le indagini, ad ogni modo, continuano al fine di verificare eventuali ulteriori responsabilità anche di altre persone.