La Via degli Artisti-Collection: un grande successo

NewTuscia – VITERBO – Appena i DPCM lo hanno permesso, con il determinante aiuto della divisione cultura del comune di Viterbo, dell’assessore alla Cultura Marco De Carolis e con il supporto ed il patrocinio della Fondazione Carivit, ha fatto la sua comparsa “la Via degli Artisti-Collection” uno spin off dell’evento in strada giunto alla prossima V edizione.

La voglia di mostrare quanto sofferto durante la lunga notte del corona Virus ha spinto gli artisti ad uscire allo scoperto. In 21 giorni 3 gruppi da 5 pittori con moltissime proposte da tutti gli angoli della Tuscia:

I settimana

Paolo Crucili (Colle Sant’Angelo), Riccardo Sanna (Soriano nel Cimino), Luigi Fondi (Soriano nel Cimino), Francesca Sorbera (Valentano), Angelo Paccosi (Viterbo);

II settimana

Giuseppe Bellucci (Blera), Benito Cannone (Sipicciano), Giovanni Travaglini (Viterbo), Marco Pintus (Viterbo) e Manila Olimpieri (Lubriano)

III settimana

Francesco Graziotti (Viterbo), Rita Mare (Bolzano), Andrea Zanobi detto Zeta (Viterbo), Rita Passeri (Villa San Giovanni in Tuscia) e la giovanissima Rachele Capocecera (Soriano nel Cimino).

Molti stili e tecniche contrapposte: dalla’olio all’acquarello, dalla matita all’acrilico su carta. Dalla neo-diplomata Orioli Rachele Capocecera ai più affermati pittori già molte volte ospiti della Via degli Artisti: l’arte deve essere così, all inclusive, e presentarsi come un linguaggio aperto a tutti. Le tentazioni elittarie non servono ne agli artisti ne ai tanti curiosi che sono pronti a chiedere di fronte ad un opera che non “capiscono” ma che desta emozione. Libri Video e carte da gioco, l’offerta è pronta a tutte le sfide, sia interne che con il modno del turismo internazionale.

Il recovery dopo il corona virus può essere molte cose, a noi decidere. L’associazione “la Via degli Artisti” crede fermamente nell’arte e nella rete, insieme siamo più forti. Nello sport e nella gioia di vivere. Nei giovani e nella voglia di fare. Viterbo può offrire moltissimo: dai meravigliosi ologrammi del XVII secolo della Chiesa del Gonfalone al quartiere medievale scolpito nel tempo, dai prodotti enogastronomici classici di eccellenza suprema, alla nuova tradizione del Gelato o della Cioccolata artigianale. A noi fare il resto… sempre aspettando la nostra piccola e fragile Santa volteggiare leggera sopra i tetti del contro storico portata in trionfo dai nostri 117 eroi.

Alla prossima.

 

 

 

Vice Presidente

Prof. Nuccio Chiossi

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21