Per il centenario dell’uomo che ha portato sport a Civita Castellana in programma un evento e un libro dedicato alla sua memoria

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Romani Stradonico è stato un atleta e allenatore che ha lasciato un segno indelebile nella storia del calcio e della tradizione sportiva civitonica. Per onorarne la memoria a cento anni dalla nascita venerdì 21 maggio alle ore 17,30, presso la sala della curia vescovile in piazza Matteotti, si terrà una conferenza per ricordarne la figura e verrà presentato un libro a lui dedicato, dal titolo “C’era una volta Stradonico”, scritto da Giancarlo Contessa.

  • grazie a Romani Stradonico se a Civita Castellana è stata introdotta, mantenuta e rafforzata la cultura sportiva del fare squadra. Il suo è un esempio che è rimasto nella storia della cittadina. Ha insegnato a tanti bambini a giocare a calcio, è stato allenatore di moltissimi giovani, che ha seguito nei vari percorsi di crescita.

Si deve proprio a lui, al suo impegno, alla sua passione e ai suoi sacrifici se tanti giovani civitonici si sono avvicinati al gioco del calcio e allo sport in generale, ottenendo anche risultati importanti. Non a caso l’intera area degli impianti sportivi di via Enrico Minio è interamente intitolata alla sua figura.

Prenderanno parte all’iniziativa dedicata a Romani Stradonico il sindaco Luca Giampieri e gli assessori Carlo Angeletti e Simonetta Coletta. Durante la conferenza verranno letti, per voce di Gianni Corazza, alcuni passaggi del libro che narra la sua storia di uomo e di sportivo. Interverranno, oltre al curatore della biografia Giancarlo Contessa, il presidente della Flaminia Calcio Francesco Bravini e i giornalisti Davide Turrini e Ugo Baldi.