Rifiuti. Marini (FI): “Tra una settimana stop ai camion da Roma: Viterbo non è la pattumiera del Lazio”

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo.

Giulio Marini

Viterbo non può essere la pattumiera del Lazio: l’impianto viterbese non può reggere a questi ritmi e, dunque, dal 20 aprile devono cessare definitivamente gli arrivi dell’immondizia romana, che in questa fase si aggiungono a quelli di altre Province. È una situazione insostenibile e ulteriori deroghe sarebbero inaccettabili”. Giulio Marini, delegato all’Ambiente e ai Rifiuti della Provincia di Viterbo, si dice “molto arrabbiato, per la totale indifferenza della Regione alle istanze della Tuscia, che sta diventando la discarica del Lazio”.

“È assurdo – rileva Marini – che venga penalizzato chI, per decenni, ha lavorato per smaltire i rifiuti in modo intelligente e rispettoso dell’ambiente. Zingaretti è alla guida della Regione da otto anni e non si è mai preoccupato seriamente del tema. Contestualmente, da una legislatura, una metropoli come la Capitale è governata da una sindaca inadeguata e il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’immondizia di Roma viene distribuita a destra e a manca, con sovraccarichi a breve insostenibili per quei siti, come Viterbo, che già da lunghissimo tempo si fanno carico dei rifiuti di altre Province”.

“È arrivato il momento di mettere un punto a questa situazione – conclude Marini – Non è più accettabile che alla nostra bravura a gestire la spazzatura e alla nostra disponibilità ad aiutare chi è in difficoltà si continui a rispondere con prepotenza e arroganza. Sia chiaro ai signori di Roma che Viterbo non è più disponibile a tollerare soprusi. Zingaretti e Raggi si siedano a un tavolo e trovino soluzioni definitive al problema dei rifiuti romani, che non possono e non devono più gravare sulla Tuscia”.