Litorale laziale, Protopapa Area PMI: “Cresce il numero di affitti per l’estate, ma bisogna riaprire  dal 25 aprile per cominciare a vedere segnali positivi”

NewTuscia – ROMA – Se da una parte il presente per le attività commericali, ristoranti, agenzie di viaggio  e palestre in primis, è annebbiato dall’emeregenza sanitaria, dall’altra c’è la speranza che l’arrivo dell’estate possa riprendere a camminare il comparto ricetttivo, alberghiero e ristorazione. Dai primi segnali nel Lazio, da Sperlonga a Montalto di Castro, sono favorevoli le richieste d’affitto pervenute all’agenzie che stanno registrando i migliori dati degli ultimi anni.  <<  Come la scorsa estate anche quella che verrà potrebbe dare uno scossone positivo a tutto il comparto turistico del Lazio – afferma Protopapa di Area PMI –  il fatto che la gente non si voglia o non possa muoversi ,  rilancerà il turismo di prossimità e di conseguenza scuoterà l’economia locale.  Sulla costa laziale appaiono segnali importanti, il ritorno alla vacanza non lontano da casa. Signifcia – continua-  che ci sarà una ripresa sempre che le restrizioni vadano dal prossimo mese ad allentarsi, tali da permettere ai villeggianti  di godersi il mare anche nei mesi precedenti all’affollamento di luglio e agosto.  Sapere che ad oggi le case in quelle che sono le località con gli affittti più alti, vedi Sperlonga, il Circeo  e Fregene , siano state scelte fa ben sperare al settore intero, che va dal piccolo negozio di alimentari alla boutique, attiviità che vivono grazie a villeggianti e turisiti.   L’appello che i commercianti rivolgono al governo e di riaprire immediatamente, in vista anche di festività quali 25 aprile e 1 maggio, due date imminenti che porterebbero una ventata di ottimismo e qualche speranza>>.