II e IV Commissione Consiliare: proventi imposta di soggiorno

Matteo Menicacci

NewTuscia – VITERBO – Si è riunita questa mattina la II Commissione consiliare, congiunta alla IV Commissione Consiliare, con all’Ordine Del Giorno l’approvazione di una delibera inerente i proventi dell’imposta di soggiorno. Questi proventi vengono generati dalle persone che decidono di soggiornare nel comune di Viterbo, pagando questa imposta, che non grava sui cittadini in alcun modo. Dopo il consueto appello viene presentata la delibera da approvare dall’Assessore, con delega al marketing territoriale, Marco De Carolis. La linea guida è chiara, le scelte di spesa di tale imposta non saranno ordinarie, bensì interventi strutturali. Investimenti a lungo termine, con l’ambizione di migliorare la prestazione turistica della città. I punti chiave sono la nascita del nuovo polo museale urbano, che in parte nascerà sotto il porticato di Palazzo dei Priori e in parte sfruttando l’ex mattatoio a Valle Faul, e il marketing territoriale. “Abbiamo bisogno di un piano comunicazione per costruire il brand di Viterbo. Per avere competitività a livello nazionale e internazionale.”, così aggiunge l’Assessore De Carolis. Queste opere saranno affiancate da opere parallele per valorizzare i patrimoni culturali, come Roccalvecce e Sant’Angelo di Roccalvecce. Verranno inoltre mappati i sentieri archeologici e, su proposta dell’Assessore Allegrini, riqualificato l’ex Convento dei Carmelitani Scalzi. Ultima postilla, prima della votazione della delibera, è stato l’intervento dell’Assessore Mancini, che ha specificato come una parte dei proventi della tassa di soggiorno verrà utilizzata per il progetto “Viterbo città del gusto” e per rendere meno onerosi i parcheggi del centro storico. Tutti questi progetti verranno portati avanti in collaborazione con esperti del settore, tra cui l’Università degli Studi della Tuscia. Sulla necessità di affidare compiti così vitali ad esperti insiste anche il consigliere Antoniozzi, che si fa portavoce della necessità di creare appeal per i nostri musei. La votazione della delibera ottiene, infine, voto favorevole.