Taurino pre Paganese: “Le assenze non mi preoccupano, occorre la mentalità giusta”

NewTuscia – VITERBO / Conferenza stampa di mister Taurino in vista dell’infrasettimanale contro la Paganese.

“La Paganese è una squadra che ha un’anima, compagine che è risorta e non perde in casa da 4 partite, arriveranno un pò arrabbiati per la sconfitta di Teramo, quindi dobbiamo dare una prova di maturità per dare continuità ai risultati”

Sarà una partita simile a Bisceglie? 

“Vorrei vedere la stessa prestazione tolti i due errori che ci sono costati punti, sarà una partita simile perché il loro campo non sarà perfetto proprio come nella città pugliese, giocano con lo stesso modulo e sono battaglieri. Servirà una grande partita dal punto di vista della mentalità, sarà diversa rispetto a quella contro il Palermo, dal punto di vista strategico”

La Viterbese si adatta molto alle squadre che trova, domani che Paganese si aspetta? 

“Questo non lo so con certezza. Ci saranno alcuni momenti dove dovremmo fare la partita e altri dove bisognerà aspettare. La Paganese è una squadra molto compatta e di indole sono molto aggressivi, dobbiamo essere bravi in entrambe le situazioni. Il palleggio non dovrà essere fine a se stesso senza specchiarci, palleggiare troppo in un campo così sarà anche più complicato quindi dovremo cercare anche l’imbucata. Poi magari anche loro spingeranno e ci difenderemo bene.
Riguardo la fase difensiva siamo migliorati molto grazie a tutta la squadra, non intesa come linea difensiva”

Si può migliorare la fase offensiva ? 

“Premesso che giocare contro squadre compatte e chiuse è sempre più complicato, non abbiamo una torre là davanti per variare modo di giocare quindi dobbiamo avere pazienza avendo meno campo aperto da attaccare dove siamo più bravi. Ci stiamo comunque lavorando, soprattutto su alcune combinazioni veloci tra i giocatori offensivi, anche sui movimenti senza palla possiamo migliorare per cercare di aprirli”

Domani mancano sia Palermo sia Bensaja, Camilleri diventa indispensabile ancor di più avendo qualità di palleggio?

 

Camilleri è importante a prescindere, come tutti i compagni di reparto, come dissi tempo fa però ho difficoltà nello scegliere gli 11 titolari proprio perché tutti i ragazzi in allenamento mi stanno mettendo in difficolta. In questo momento il livello della squadra non si abbassa per qualche mancanza, ho una rosa uniforme nelle prestazioni”