Creato il Ministero del Turismo – accolte le richieste della Confesercenti

NewTuscia – VITERBO – Un ministero del Turismo è stata da sempre la richiesta e cavallo di battaglia della Confesercenti e di tutte le sue categorie del turismo. Una nazione con il 13% di pil nel turismo e l indotto economico che genera, paradossalmente dovrebbe vivere di turismo senza un ministero opportunamente destinato a coordinare il settore era una nazione zoppa. “Adesso però bisogna passare ai fatti – afferma Vincenzo Peparello, presidente della Confesercenti di Viterbo, membro della presidenza nazionale e responsabile regionale Area turismo- Le risorse a disposizione devono essere spese per la competitività delle imprese.fino ad oggi le risorse sono servite a mala pena a coprire i costi del personale. Il primo passo è quello giusto – aggiunge -. Il ministero dedicato è un segnale che il mondo del turismo attendeva da tempo, ed una richiesta che Assoturismo in particolare portava avanti da anni. Il turismo italiano ha assolutamente bisogno di una cabina di regia unica per il rilancio del settore e per coordinare gli investimenti del recovery fund a livello nazionale.Il futuro del settore dipende proprio dalla capacità che avremo di superare la frammentazione territoriale che ne ha caratterizzato finora la gestione. Nel fare al neo ministro Massimo Garavaglia le nostre congratulazioni per l’incarico: aggiungiamo che potrà contare sulla nostra disponibilità. L’auspicio è che ora il ministero diventi operativo in tempi contenuti, e soprattutto – conclude Peparello – che la nuova squadra di governo guidata da Mario Draghi traghetti, quanto prima, il paese fuori dalla crisi sanitaria ed economica ed il comparto turistico abbia, finalmente, la centralità che merita”.

Confesercenti   – Viterbo