“Vetralla: il lungo inverno della giunta Coppari”

NewTuscia – VETRALLA – Con la Candelora abbiamo salutato uno degli inverni più miti degli ultimi anni, dove invece sembra permanere il freddo gelido di quelli che ti immobilizzano è quello che attanaglia la giunta Coppari. Cinque anni di proclami contraddittori gestiti con una navigazione a vista in un mare nebbioso di idee, hanno prodotto una profonda lacerazione nel tessuto sociale della nostra comunità. Fra le più interessanti divagazioni sul tema emerge la gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che oltre ad un iniqua tariffazione, oggetto da parte nostra di numerose interrogazioni consiliari ed ora al vaglio delle autorità competenti, si infrange sull’appalto della raccolta differenziata gestita in maniera a dir poco dilettantesca, pur annoverando nella giunta la massima responsabile del settore a livello regionale e che ha provocato ingiustificabili ritardi con conseguenti ripercussioni sulle tasche dei cittadini. Non va meglio al patrimonio, dove il nostro immenso patrimo boschivo viene abbandonato ai tagli selvaggi dei privati o addirittura come discarica, mentre il taglio ad uso civico stenta a partire malgrado i proclami dell’assessore competente e di più, fontane asciutte o addirittura lo smantellamento operato da ignoti dell’antico lavatoio che insieme alla chiusura di via Borgo Vecchio cercano ancora dei responsabili in uno stucchevole rimpallo di competenze. A completare il quadro di questa assoluta mancanza di visione e capacità amministrativa, non possiamo non ricordare l’acquisto di un campo agricolo ad una cifra fuori da ogni logica di mercato, giustificandola come prioritaria negli obbiettivi di questa amministrazione per lo sviluppo di una pista di atletica, per poi presentare a finanziamento un progetto sito in un altro luogo.  Della palestra comunale parleremo poi perchè gli annunci di prossima apertura, anzi no, sono ormai storia.

Sindaco Coppari

A venire meno sono stati anche i tanto sbandierati soldi della comunità europea che dovevano arrivare a fiumi grazie all’attivazione di un apposito sportello, annunciato in pompa magna e che non ha mai visto in realtà il giorno d’apertura, una pretesa eccessiva, forse, per chi ha restituito pure i soldi regionali destinati ai sussidi scolastici. Su una cosa, però, questa amministrazione si è distinta, la puntuale e perniciosa presentazione delle cartelle esattoriali dalla Ta.Ri. alla TOSAP, passando per l’aumento delle rette dell’asilo nido, in una spasmodica ricerca di soldi da destinare a cosa? Non certo all’educazione o al sostegno sociale visto il fallimento della ludoteca comunale, del doposcuola e dell’aiuto compiti una volta fiore all’occhiello delle passate amministrazioni ed ora fastidioso intralcio al salotto bene,  ripulito e ripavimentato dei Servizi alla Persona ma ormai desertificato della sua principale funzione, ascoltare!. Ed è proprio sull’ascolto che continua a cadere la neve di questo inverno senza fine dell’amministrazione Coppari, su stessa ammissione dei suoi assessori questo non è ne dovuto ne necessario. Ma ad ogni inverno segue una primavera e fortunatamente sta arrivando, in un dialogo che viene da lontano presto, molto presto torneremo ad essere i _primi interpares_ , non esitate quindi a fermarci per strada per raccontarci le vostre storie e di quale futuro volete essere parte, perchè un inverno così non abbia più a vedersi!.

NOI PER VETRALLA 
GIULIO ZELLI MENEGALI