Agostini-Berlenghini: “Giù le mani dalla Tuscia, no ai rifiuti radioattivi”

“Istituire un coordinamento per salvaguardare il territorio”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. “L’idea che la Tuscia sia candidata a ospitare siti idonei di rifiuti radioattivi è inconcepibile. La Provincia di Viterbo non può subire un impatto ambientale devastante attraverso decisioni unilaterali e non concordate.

Ci piacerebbe sapere chi, come e perché abbia scelto alcuni dei comuni del viterbese come luoghi  ‘ideali’ a ospitare tonnellate di cemento armato e lo stoccaggio di materiali pericolosi senza tener conto della loro valenza agricola, turistica, paesaggistica e ricettiva.

Il Presidente della Provincia che dovrebbe difendere la salute e gli interessi dei suoi cittadini ha avuto qualche voce in capitolo in questa scelta scriteriata? È necessaria la costituzione di un coordinamento che riunisca tutte le forze della sinistra, progressiste e ambientaliste per lottare senza divisioni e particolarismi in difesa del territorio. Articolo Uno sarà in prima linea ed è pronto a una battaglia durissima per dire no a provvedimenti insensati e calati dall’alto”.

Lo dichiarano, in una nota congiunta, il segretario regionale del Lazio di Articolo Uno, Riccardo Agostini e il segretario provinciale di Viterbo di Articolo Uno, Patrizia Berlenghini.