Bassano in Teverina: “Questa minoranza non è d’accordo sugli investimenti che intende intraprendere il Sindaco Romoli”

NewTuscia – BASSANO IN TEVERINA – Riceviamo e pubblichiamo.

“Cari cittadini,

Questa minoranza non è d’accordo sugli investimenti che intende intraprendere il Sindaco Romoli. Come più volte ribadito, infatti, il Comune di Bassano In Teverina è in difficoltà sia in termini di numero di abitanti che popolano il paese, sia dal punto di vista economico. I dati ISTAT lo confermano: ci sono circa 1200 abitanti , 600 famiglie, un reddito procapite di diecimila euro e un tasso di natalità, cioè il rapporto tra morti e nati, che è oramai negativo da diversi anni. A questo si aggiunge il dato economico, con un reddito di bilancio 2019 chiuso con un utile di 25.181,56 e un assestamento degli equilibri di bilancio, chiuso con le spese maggiori delle entrate, per 507.705,77. Quindi riassumendo il paese è ridotto all’osso e i dati economici non sono confortanti.

Nonostante questo, il sindaco Romoli propone un investimento alla cittadinanza di “sviluppo” del paese cambiando la sede comunale. Per alleggerire la pillola distribuisce volantini e fa passare la cosa come un affare, pretendendo che i cittadini siano soddisfatti ed accettino quanto proposto, solo perché viene descritta come una scelta coraggiosa, ma è facile essere coraggiosi con i soldi degli altri.

In pratica, il progetto  prevede il trasferimento, in prossimità del borgo, degli uffici comunali e la ristrutturazione della sede, con un impegno economico non indifferente ed un mutuo bancario di circa 1.700.000,00 euro. Questa minoranza contesta il fatto che venga lasciata una sede comunale operativa e funzionante, con validi parcheggi e con lavori fatti recentemente, come la sbarra d’ingresso, per una da rifare completamente . Nell’attuale sede, a detta del Sindaco, si dovrebbe trasferire la caserma dei carabinieri forestali, ma questo non è stato confermato, si saprà tra un anno! Noi consiglieri di minoranza abbiamo chiesto al sindaco Romoli di aspettare, affinché si concretizzi il trasferimento della caserma dei carabinieri, e portare a casa  almeno questo risultato importante per il territorio. Solo dopo avrebbe senso prendere in considerazione il trasferimento   degli uffici comunali.

Altro punto rispetto al quale la minoranza ha espresso voto contrario è l’acquisto dell’immobile, sempre in prossimità del borgo, per la realizzazione di un museo. Il gruppo di minoranza ha ampiamente fatto presente in consiglio  che al borgo ci sono già dei locali disponibili di proprietà del comune, ma il sindaco ha risposto che comunque  ci  sarebbe poco spazio. Quello che continuiamo a chiederci è: quanto guadagnerà il comune dalla realizzazione del museo? E’ un giusto investimento?

Caro sindaco, la invitiamo a riflettere su questi investimenti, le spese, infatti, graveranno sulle future generazioni. Lei sta proponendo ai cittadini un mutuo a 30 anni per una realtà piccola come Bassano in Teverina. Secondo la nostra opinione, gli investimenti, anche onerosi o “coraggiosi”, come dice Lei, dovrebbero essere fatti se c’è un ritorno in termini di guadagno economico o di prestigio del Paese. In questo momento una nuova sede comunale, senza la certezza che l’arma dei carabinieri si trasferisca nell’attuale, o l’acquisto di una sede per il museo, senza la certezza del guadagno che ne deriverà, sembrano investimenti privi di un reale fondamento.

Quello che la minoranza sostiene da tempo è che l’investimento debba riguardare la ripopolazione del paese, attraverso un sostegno alle giovani coppie che decidono di abitare a Bassano.   

Il gruppo di minoranza Bassano Di Tutti