Imu e Tari, nessun abbassamento di quota nel comune di Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Imu e Tari, gli emendamenti proposti dall’opposizione per abbassare le due tasse sono stati categoricamente respinti dalla maggioranza nella seduta di Consiglio.

L’emendamento Imu, secondo Ricci (PD) e Barelli (Forza Civica), prevedeva di utilizzare i fondi in avanzo dal bilancio. Ma la strategia del sindaco Arena prevede di impiegare il grosso dell’avanzo per le strade e la manutenzione. D’altro canto “la tassa sulla prima casa è nulla, per gli alberghi ci sono diverse agevolazioni e per la seconda casa in media la spesa si attesta su 30-40 euro”, ha spiegato il primo cittadino incontrando l’opposizione di Ricci.  “La media sarà di 80-100 euro e questo è un anno difficile per i cittadini”, è stata la replica.

Ma mentre l’Imu rimane invariato, per quanto riguarda la Tari si avrà un aumento. Per spiegare la scelta, la maggioranza, ha tirato in ballo gli equilibri di bilancio che andrebbero a modificarsi se le aliquote venissero cambiate.