Civita Castellana, Massaini (Lega) chiude il cerchio per migliorare la città

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Riceviamo e pubblichiamo.

Matteo Massaini chiude il cerchio sul piano di lavoro e sui progetti dello schieramento del centrodestra, punti chiave per ridare dignità a Civita Castellana.

«Questa amministrazione – spiega il capolista della Lega – ha intenzione di dare risposte concrete per quel che riguarda l’attività turistica, che poi è l’attività principe di Civita Castellana, visto che la città rappresenta un importante polo sotto il punto di vista artistico e archeologico. Discendiamo dai falisci, che sono antecedenti ai romani… e questa è una cosa che ci portiamo nel sangue. Sarà nostra intenzione mettere a disposizione un’area camping attrezzata per consentire la ricettività dei camperisti, e comunque dei turisti che potrebbero transitare e visitare Civita. E, cosa fondamentale, abbiamo intenzione di creare una rete con i paesi limitrofi, per consentire la realizzazione di pacchetti di più giorni, per mantenere più a lungo i turisti sul territorio e fargli ammirare le nostre bellezze archeologiche e artistiche».

«Altro capitolo da prendere in esame per Civita Castellana – spiega sempre Massaini – è lo sport, esistono realtà importanti a partire dalla Flaminia, squadra che partecipa al campionato di serie D, dunque un torneo di scala nazionale. C’è il football, ma c’è anche la pallavolo, che fino a poche stagioni fa militava nella massima serie, anche se era costretta a giocare le sue partite altrove, a Montefiascone come a Roma. Ecco, c’è stata una scarsa attenzione da parte delle precedenti Amministrazioni, mentre con la giunta-Caprioli era stato intavolato un discorso triennale legato al miglioramento della situazione, cercando di dare a questa realtà una struttura utile per consentire di riportare a Civita Castellana il volley.

Ma le realtà sono tante, c’è il rugby, per esempio, che permette a tanti bambini di giocare con la palla ovale e nel contempo strizza un occhio al settore femminile. Ecco, queste società e i loro eventi portano al seguito tante persone delle squadre ospiti, e queste persone magari a Civita Castellana oltre a seguire la propria squadra potrebbero trovare anche attrazioni che esulano dallo sport, intendo attrazioni di tipo naturalistico e culturale, dando vita a un vero e proprio movimento turistico-sportivo. In più, c’è la piscina comunale, un importante centro di aggregazione forse “dimenticato” dalla giunta-Angelelli. Con la giunta-Caprioli abbiamo iniziato un percorso di manutenzione e progettualità per la riapertura della stessa piscina, anche se c’è da aggiungere che, pure in questo caso, la pandemia ha arenato il progetto. Ma è nostra premura rimettere mano

a questa situazione per riportare in auge proprio la piscina».
Sottolineatura importante, quella dedicata alle politiche giovanili. «Significano anche tutelare l’ambiente che circonda i giovani, e diventa fondamentale l’amor proprio per Civita. Abbiamo intenzione di creare degli appuntamenti per far capire il valore e l’importanza di questa città, e daremo pieno sostegno a chiunque avrà intenzione di aprire locali notturni, pub, discoteche, luoghi insomma che potrebbero attrarre anche ragazzi dai paesi vicini».

«Ultimi, ma non per ordine di importanza, gli uffici comunali, che versano in una situazione poco carina, non c’è stata una politica assunzionale  e gli uffici sono tutti sotto organico. Aiutare i cittadini? Si passa anche per un potenziamento di degli uffici comunali e il nostro impegno è quello di realizzare concorsi per assumere personale. Mi viene in mente la polizia locale, e tutto quello che va a interfacciarsi con i cittadini. Mi viene in mente l’ufficio tributi, allo stato attuale ci sono solamente due persone. Implementare gli uffici comunali significa dare dignità a tutta l’amministrazione comunale, e tutto questo passa attraverso un concorso che dovremmo bandire non dico il primo giorno di mandato, ma magari il secondo.

E poi lo “sportello Europa”, protocollo firmato dai capigruppo, utile per i fondi pubblici europei. L’aspetto economico sul territorio, il sostegno alle associazioni e l’istituzione di piani di sicurezza che adesso devono essere realizzati per qualsiasi tipo di manifestazione… ragionando sul fatto che quest’ultimo è un compito che potrebbe essere svolto dalle professionalità che sono all’interno del palazzo comunale. Ecco, per noi Civita Castellana deve diventare così, un modello per altre città».