Rete degli Studenti: “Ascoltate le nostre richieste”. Flash mob davanti alle scuole di Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. Stamattina, davanti a numerose scuole di Viterbo e di tutta la provincia, gli studenti e le studentesse si sono mobilitati.

Ormai da diversi mesi ragazzi e ragazze vivono in una situazione di incertezza e precarietà assoluta: non sono state fornite indicazioni chiare, i banchi e l’organico non sono sufficienti e non è stata assicurata alcuna sicurezza nei trasporti. Sono a rischio anche i diritti fondamentali degli studenti: l’ITE Paolo Savi e il Liceo Mariano Buratti hanno annunciato che per tutto l’anno saranno sospese le assemblee d’istituto, nonostante i luoghi e le modalità per svolgerle in sicurezza ci siano.

Al flash mob hanno partecipato anche quegli studenti e quelle studentesse a cui il rientro è stato posticipato da ordinanze comunali o dei Consigli di Istituto, per sottolineare l’inefficienza delle istituzioni nell’affrontare il rientro scolastico.

“Ora che il momento di riorganizzare le scuole è arrivato, è necessario tener conto del punto di vista degli studenti” – spiega Teresa Pianella, studentessa della Rete degli Studenti Medi di Viterbo – ” organizzeremo una serie di assemblee nelle scuole per confrontarci sui problemi dei singoli istituti e per raccogliere segnalazioni e proposte a cui dar voce davanti alle istituzioni, come la Provincia, che abbiamo in programma di incontrare a breve. ”

Rete degli Studenti Medi di Viterbo