Scuola, Aurigemma (Fdi)” Zingaretti “maleducatamente” non risponde a problemi sollevati”

Antonello Aurigemma

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. “Per certi versi comprendiamo l’imbarazzante silenzio del presidente Zingaretti alla nostra lettera inviatagli due giorni fa in cui si chiedeva una decisione unica e chiara sull’apertura delle scuole nella regione lazio, visto che oramai è sempre piu preso nel suo ruolo di segretario nazionale di partito, piuttosto che a quello di governatore. Ma pur comprendendo il suo disagio nel rispondere alle nostre istanze, ad oggi ci sono migliaia di famiglie del Lazio che non sanno se la scuola dove studiano i propri figli sarà aperta o meno lunedì 14. Siccome alla regione spetta la competenza del calendario scolastico, Zingaretti non può tirarsi indietro dal fornire risposte ai cittadini.

Noi chiedevamo certezze, invece il presidente ha preferito il solito scaricabarile, stavolta nei confronti dei sindaci e dei dirigenti degli istituti, che già hanno tante problematiche da affrontare. Ora, circa la metà dei comuni del Lazio ha optato per lo spostamento dell’inizio delle lezioni a dopo il referendum. E nella nostra regione, ci troviamo di fronte ad un’anomala situazione, poiché ci sono scuole che apriranno il 14, altre il 21 e altre ancora il 24. Dunque, tre date differenti: unica in Italia e penso non solo in Italia. La nostra lettera sollevava dubbi e perplessità, che sono state segnalate in queste settimane da tanti presidi, genitori, amministratori locali. Perciò il silenzio di Zingaretti alle nostre domande, oltre a rappresentare una mancanza di rispetto istituzionale nei confronti di un consigliere democraticamente eletto a rappresentare le istanze delle persone, è indirettamente anche una mancanza di rispetto verso le richieste di tanti cittadini. E ciò è molto grave.

Questo atteggiamento denota anche una mancanza di sensibilità e di educazione, che rappresenta un fattore fondamentale nel rapporto tra due o più persone. Ma, a differenza delle idee politiche che nel corso degli anni possono anche cambiare, l’educazione o si ha o no. E in questa occasione il governatore ha dimostrato di non averla”.

Lo dichiara il consigliere di Fratelli d’Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.