Grande affluenza nelle città d’arte e sulle spiagge della Tuscia: serve sicurezza con il distanziamento

Simone  Stefanini Conti

NewTuscia – VITERBO – Come noto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha recentemente  firmato una nuova ordinanza che prevede:

sospensione delle attività del ballo, all’aperto e al chiuso, che abbiano luogo in discoteche e in ogni altro spazio aperto al pubblico

obbligo di mascherina anche allaperto dalle 18 alle 6 nei luoghi dove c’è rischio di assembramento.

“I numeri del contagio in Italia, anche se tra i più bassi in Europa, sono in crescita. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza”, ha sottolineato il Ministro Speranza.

In questo ultimo fine settimana di ferragosto  le  spiagge, i locali da ballo  , i luoghi della movida delle città’ d’arte e della costa viterbese, come in gran parte delle località turistiche italiane,  sono stati letteralmente  presi d’assalto.

Spettacoli e concerti estivi: foto www.newtuscia.it

Rispetto a ipotetici rischi di contagi legati agli assembramenti di persone senza protezioni individuali,  i comuni italiani associati nell’Anci, nello spirito di prevenzione affermato  dall’ Ordinanza del Ministero della Salute,  mettono in guardia dalla creazione di assembramenti per le discoteche, le spiagge le attività commerciali e di ristorazione e dei giovani per la movida.

Sono necessarie responsabilità e  precauzione per  evitare ulteriori chiusure .“

Sul riacutizzassi dei casi di positività al Coronavirus molti sindaci hanno espresso preoccupazione per gli assembramenti nelle zone più calde della movida cittadina, nei locali da ballo e sulle spiagge, soprattutto tra i giovani.

“Ora o ciascuno di noi, a cominciare dai ragazzi, interpretiamo questa libertà con senso di responsabilità, applichiamo le regole sul distanziamento sociale, pensiamo al fatto che comportamenti irresponsabili mettono a rischio non solo la nostra salute individuale ma anche quella delle persone più fragili che abbiamo care, oppure le amministrazioni locali saranno costrette ad adottare misure più restrittive,  con il danno anche economico che questo comporterebbe”. Uneventualità da scongiurare con ogni mezzo.

Siamo in una  fase molto delicata che precede l’autunno ed il rischio di nuova espansione del virus.   La mascherina e il distanziamento sono le uniche difese dal contagio che ci permetteranno di evitare un nuovo più doloroso e pericoloso lockdown”.