Degrado a Viterbo, Arena dixit: “Nel prossimo bilancio maggiori risorse per i lavori pubblici”. Sarà vero stavolta?

Gaetano Alaimo

NewTuscia – VITERBO – “Nel prossimo bilancio chiederò alla mia maggioranza di prevedere la maggior parte delle risorse per asfaltature delle strade, manutenzione del verde, decoro della città”. Giovanni Arena dixit.

Così il sindaco di Viterbo Giovanni Arena, questa mattina, ha scritto nella sua pagina facebook. Di tenore opposto i commenti a questa frase che, certamente, deriva anche dai nostri servizi giornalistici sullo stato di degrado permanente e da anni su larga parte del territorio comunale, tra strade gruviera, decoro urbano inesistente e verde pubblico del tutto senza manutenzione.

Da una parte chi loda l’impegno del sindaco che, annunciandolo pubblicamente, dà una prima risposta alle esigenze di rilancio dei lavori pubblici di cui Viterbo ha un bisogno assoluto, dall’altra chi critica “l’ennesimo annuncio” a circa metà mandato dell’attuale maggioranza di centrodestra. C’è chi spera in maggiori tempi per realizzare i lavori pubblici non essendoci il Trasporto della Macchina di Santa Rosa, chi augura buon lavoro al sindaco, chi parla di specifiche esigenze locali.

Quello che è certo è che il tema dei lavori pubblici, tra asfaltaure annunciate e mai fatte, decoro urbano e, aggiungiamo, noi, necessità di un piano comunale sull’ emergenza delle barriere architettoniche a Viterbo, è il tema dei temi per la città dei papi. Il primo cittadino questo lo sa e inizia probabilmente a capire che prima di ogni sforzo per il rilancio turistico di Viterbo servirà rendere la città tra le più belle d’Italia anche una tra le più curate.

Intanto l’assessore al turismo Marco De Carolis ha accolto ieri il primo autobus pieno di croceristi che, dopo l’impegno dell’On. Mauro Rotelli, sono arrivati a Viterbo con un mezzo dedicato direttamente dal porto di Civitavecchia.

La sinergia tra questi fatti potrebbe, dopo anni ed anni di attesa, invertire un trend per la nostra città che, prescindendo da chi ha amministrato finora, è stato asfittico sul fronte dell’immagine della città. Vedremo se le buone intenzioni del sindaco saranno confermate o, come purtroppo dobbiamo constatare ancora, la città sarà una cartolina non all’altezza della storia e la cultura che le sono proprie.