A Villa San Giovanni in Tuscia “Sacri Colori”. In mostra una collezione di abiti liturgici della parrocchia di San Giovanni Battista

NewTuscia – VILLA SAN GIOVANNI IN TUSCIA – La storia religiosa di Villa San Giovanni in Tuscia in trenta abiti liturgici esposti nella mostra “Sacri Colori”. E’ il nuovo appuntamento culturale ideato, promosso e organizzato dall’Associazione Scientifico-Culturale “Antiqua Tellus-Centro Studi Mons. Simone Medichini” nella chiesa di Sancta Maria ad Nives, con inaugurazione Giovedì 13 Agosto alle ore 17.00 in via del Poggetto, nell’area antistante al sacro edificio. La mostra ha ottenuto il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Villa San Giovanni in Tuscia, della “Confraternita della Madonna del Carmine” e della “Confraternita del SS.mo Sacramento-Compagnia di San Giovanni Battista”. Gli abiti, riccamente ricamati e impreziositi da varie guarnizioni,  sono databili dal XVIII secolo fino al XX secolo, e sono suddivisi secondo i diversi colori delle celebrazioni dell’Anno Litrurgico cristiano cattolico di Rito Romano. Tra gli abiti più rappresentativi merita di essere segnalata la pianeta di colore bianco finemente ricamata, un tempo appartenente a Mons. Simone Medichini (1831-1916), nativo di Villa San Giovanni in Tuscia, Parroco-Priore  della chiesa collegiata di Sant’Angelo in Spatha di Viterbo e scienziato naturalista. La pianeta fu donata nel 2000 dalla parrocchia di Sant’Angelo in Spatha alla parrocchia di San Giovanni Battista, in occasione dell’intitolazione all’illustre sangiovannese di Piazzale Mons. Simone Medichini. Inoltre sono esposti anche gli abiti delle locali Confraternite della “Madonna del Carmine” e del “SS.mo Sacramento-Compagnia di San Giovanni Battista”.

Una sezione della mostra è dedicata a  San Paolo della Croce, ricorrendo quest’anno il terzo Centenario (1720-2020) della scrittura della prima Regola della “Congregazione della Passione di Gesù Cristo” (Passionsiti), poi approvata nel 1741 da Papa Benedetto XV.

La mostra “Sacri Colori” fa parte di un più ampio progetto a carattere storico-antropologico sulla storia religiosa di Villa San Giovanni in Tuscia, avviato dall’Associazione “Antiqua Tellus” nel 2019, con l’allestimento e l’apertura dell’Antiquariun della chiesa di Sancta Maria ad Nives, in collaborazione con la locale Parrocchia, all’interno del quale sono conservate le suppellettili appartenenti alla piccola chiesa seicentesca, restrauratanel 2015.

In ottemperanza alle norme di prevenzione sanitaria anti-Covid19 ancora in vigore, l’ingresso alla mostra sarà contingentato, per accedere è obbligatorio l’uso della mascherina e all’interno dei locali espositivi i visitatori dovranno mantenere una distanza l’uno dall’altro di almeno un metro.

Giorni e orari di visita: 13-14-17 Agosto ore 17.00-20.00; sabato 15 ore 17.00-22.00; Domenica 16 ore 10.00-12.00 e 17.00-22. Ingresso libero.

Micaela Merlino