MitMita, i giovani reclamavano un posto così

Paola Vana, proprietaria del MitMita, trasformando un vecchio deposito in un locale di successo, ci parla della sua nuova attività presa d’assalto dai ragazzi

NewTuscia – TARQUINIA – “I giovani reclamavano un posto così”. Paola Vana, proprietaria del “MitMita” svela il successo della sua idea imprenditoriale. Insieme al suo socio Lorenzo Elisei, partendo da un vecchio magazzino chiuso da anni, ha prima aperto un punto vendita di articoli per la casa e quindi, l’anno dopo, il grande salto creando, anche esteticamente, uno dei locali più fashion del litorale viterbese.

Paola, avete ridato luce ad un angolo anonimo del Lido…

“Due anni fa, vedendone le potenzialità, ho aperto un negozio di articoli per la casa perché la location, la vicinanza al mare e la grande disponibilità di spazi del locale fosse un giusto connubio. Il negozio andava bene però volevo qualcosa di più mio”

Dai detersivi al Mit Mita: un salto doppio carpiato…

“Insieme al mio socio Lorenzo Elisei abbiamo pensato ad un locale originale, per i giovani ma non solo, la nostra clientela infatti va dai 15 ai 60 anni. Volevamo un luogo aperto h24, con ampi spazi, dove la musica non poteva mancare, dove poter socializzare, dove poter festeggiare un avvenimento, specialmente al lido dove questi locali mancano”.

Perché MitMita?

“Perché è il nome di miscela di spezie usate nella cucina etiope, un’impronta che ho voluto dare al locale”

Quest’anno puntate molto sulla ristorazione…

“Si, molto! Quest’anno abbiamo con noi anche Emiliano Masala chef stellato che vanta esperienze in ristoranti di prestigio tra i tanti anche a Miami e Londra con piatti sia di terra che di mare rigorosamente del nostro territorio”

Perché dovremmo venire al MitMita?

“Perché la qualità della materia prima dei nostri prodotti è di altissimo livello. Che, accompagnati dai vini della nostra cantina e dall’atmosfera, con sullo sfondo la vista del mare, rende la giornata unica”.

Sarete aperte anche in inverno?

“Si da quest’anno saremo aperti anche nella stagione invernale il venerdì, sabato e la domenica”