Terni ringrazia gli operatori sanitari impegnati nella lotta contro il Covid

NewTuscia – TERNI – Il 29 luglio nell’atrio dell’ingresso principale dell’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni, uno dei luoghi simbolo della lotta al Covid, la città di Terni ha simbolicamente ringraziato tutti gli operatori impegnati nell’emergenza sanitaria in ospedale e sul territorio. A rappresentare la comunità in questa manifestazione corale di gratitudine c’erano il Prefetto, il Questore e il Sindaco, promotori dell’iniziativa, insieme ai rappresentanti delle altre forze dell’ordine presenti, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria, Vigili del Fuoco, Polizia Locale, Protezione Civile. Hanno partecipato anche il presidente dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Terni, il presidente dell’ordine delle professioni infermieristiche di Terni e il direttore sanitario della Usl Umbria 2 in rappresentanza di tutti i medici, infermieri e operatori sanitari che hanno svolto sul territorio la battaglia contro il Covid. Presenti anche il vicepresidente della Ternana Calcio, che ha consegnato alcuni gadget ai bambini ricoverati in pediatria, e il maestro Mogol che ha accettato con entusiasmo di curare l’esibizione musicale.

La cerimonia di ringraziamento, organizzata in poche ore con il contributo di tanti soggetti, si è svolta alle ore 18,30 nell’area antistante la portineria centrale del corpo ospedaliero. Dopo il primo omaggio a sirene spiegate e l’inno italiano, hanno portato i loro saluti e ringraziamenti il prefetto Emilio Dario Sensi, il questore Roberto Massucci, il sindaco Leonardo Latini. Sono poi intervenuti il maestro Mogol e, a nome di tutte le altre figure professionali direttamente impegnate nell’emergenza sanitaria, il responsabile della clinica di Malattie Infettive Michele Palumbo accompagnato dall’infermiera Tiziana Silvestri. Dopodiché il cantante Gianmarco Carroccia del CET di Mogol, insieme a due musicisti del progetto Emozioni, si è esibito in alcuni brani di Battisti tra cui “Il mio canto libero”, in una rivisitazione fatta dal maestro Mogol proprio in occasione del Covid, e “La compagnia”, di fronte ad una rappresentanza di tutte le figure professionali che lavorano in ospedale distribuite sul piazzale e alle finestre della facciata del nosocomio.

Nel corso della cerimonia il commissario straordinario del Santa Maria di terni ha ricordato i 29 lavoratori dell’Azienda ospedaliera che si sono ammalati di Covid e in particolare Carlo Adami, operatore del CUP di Oncoematologia, deceduto il 21 marzo dopo aver contratto il Covid.

La direzione dell’Azienda ospedaliera Santa Maria ringrazia la Prefettura, la Polizia di Stato, il Comune di Terni e tutte le altre forze dell’ordine presenti e si unisce al loro ringraziamento nei confronti di tutti gli operatori sanitari e non che in ospedale e sul territorio hanno dato il loro fondamentale contributo, con la speranza che quanto vissuto in un momento difficile come quello trascorso non soltanto ci trovi più preparati in qualsiasi possibile evento futuro, ma rafforzi le coscienze su quello che è il senso e la missione di chi lavora in sanità: la accoglienza, assistenza e cura delle persone malate con attenzione anche ai familiari.