Movimprese: saldo positivo tra aprile e giugno

In affanno il comparto artigiano, registra da solo la metà delle chiusure del trimestre

NewTuscia – TERNI – L’emergenza covid si fa sentire anche in Umbria ma non blocca la crescita delle imprese che, pur se di poco, fa segnare il “più” nella dinamica imprenditoriale relativa al II trimestre dell’anno. In pieno lockdown, da aprile a giugno, infatti le imprese che si sono iscritte al Registro Imprese delle Camere di Commercio sono state 904 a fronte di 572 cancellazioni. Raggiunge dunque quota 93.912 lo stock di imprese in Umbria al 30 giugno 2020, lo 0,35% in più rispetto al primo trimestre dell’anno. La crescita, lieve, è in linea con quanto accaduto nel resto del Paese (+0,33%), l’emergenza pandemia ha infatti rallentato i settori economici pur non fermandoli del tutto dopo avere inciso negativamente sull’andamento dei primi tre mesi dell’anno.

E’ quanto emerge dall’analisi trimestrale Movimprese, condotta da InfoCamere ed elaborata dall’Ufficio Innovazione e Informazione Economica della Camera di Commercio di Terni.

Il trend del II trimestre dell’anno segna “più” in entrambe le province. Terni chiude a giugno con un saldo positivo tra aperture e chiusure di 110 nuove aziende (il capoluogo di regione segna “più” 222) 244 sono state le iscrizioni nel II trimestre dell’anno e 134 le chiusure. Lo stock registrato dunque al 30 giugno è di 21.811 aziende (che a livello percentuale si traduce in una crescita dello 0,51% rispetto al trimestre precedente). Proseguono le difficoltà del comparto artigiano evidenziate dall’analisi della nati-mortalità delle imprese. La componente artigiana ha registrato ben 78 chiusure sulle 134 totali. Le aziende registrate al 30 giugno sono 4.568, tra cui 1.723 operanti nelle costruzioni, 906 nell’industria manifatturiera, 783 nei servizi  e 370 nel commercio.

Per quanto riguarda le forme giuridiche, l’identikit delle imprese non subisce modifiche sostanziali: quasi la metà del totale ha la forma della ditta individuale (11.684) , 5.734 sono le società di capitali che anche durante il periodo di “chiusura” a causa della pandemia hanno mantenuto un trend piuttosto dinamico con ben 51 iscrizioni di nuove aziende, 3.706 sono le società di persone. A livello settoriale, si registrano saldi attivi per il macro comparto dell’agricoltura (+27) seguito dalle costruzioni (+5). Segno negativo invece per il commercio che a fronte di 31 nuove imprese ha chiuso il II trimestre con 62 cancellazioni di cui 29 solo nel commercio al dettaglio.

“Il nostro territorio è attraversato da una crisi profonda, siamo area di crisi complessa e il reddito pro-capite delle nostre famiglie continua a contrarsi, la pandemia e l’emergenza conseguente hanno fatto il resto – spiega il Presidente della Camera di Commercio di Terni  – il nostro Ente camerale continua per questo, soprattutto nella fase attuale, ad investire sul territorio e per la crescita delle imprese con risorse ingenti per i nostri bilanci. Nel 2020 in appena sei mesi abbiamo già riversato sul territorio oltre 2 milioni di euro con attività  bandi e progetti a favore della liquidità delle imprese, per sostenere la digitalizzazione in azienda, il turismo e ora l’internazionalizzazione. Da settembre ci sarà infatti a disposizione anche un bando per cui abbiamo stanziato 70mila euro a sostegno delle imprese che vogliono internazionalizzarsi”.

TOTALE
Registr. Iscriz. Cessaz. Saldo
Perugia   72.101 660 438 222
      Terni   21.811 244 134 110
Umbri a  93.912 904 572 332
Italia   6.069.607 57.922 38.067 19.855

Fonte: Movimprese II trimestre 2020