Il Gruppo di Azione Costiera, FLAG LAZIO NORD con sede a Civitavecchia è pronto per ripartire

Inviata alla Regione Lazio la proposta di rimodulazione del Piano di Sviluppo locale

con l’obiettivo di utilizzare 754.000 euro

del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca – FEAMP – per lo sviluppo costiero e dell’economia del mare.

NewTuscia – CIVITAVECCHIA – Che cosa è il FLAG? Si tratta di un Gruppo di Azione Locale per lo sviluppo sostenibile costiero e il miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca. Nello specifico il FLAG Lazio Nord insiste nei comuni di Santa Marinella, Ladispoli, Civitavecchia, Tarquinia e Montalto di Castro.

In particolare il FLAG Lazio Nord ha sede a Civitavecchia ed è costituito quale Gruppo di Azione Locale per la Pesca (Fisheries Local Action Group, abbreviato FLAG) in forma di partenariato pubblico e privato.

Il suo fine è quello di concorrere allo sviluppo sostenibile costiero e al miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca del proprio territorio in una strategia globale di sostegno all’attuazione degli obiettivi del P.O. FEAMP 2014/2020 e delle altre misure regionali, nazionali e comunitarie per lo sviluppo delle zone di pesca.

Il FLAG Lazio Nord nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 24 giugno scorso ha rimodulato il proprio Piano di Sviluppo Locale, a seguito (del taglio del 29% a livello nazionale per la priorità 4 del PO FEAMP 2014/2020) di una decurtazione del 29 % dei fondi da parte della Regione Lazio. Il piano rimodulato prevede di investire sul territorio risorse ingenti pari a 754.000 euro attraverso progetti che verranno messi a bando nei prossimi mesi.

Il Presidente Massimo Pelosi esprime soddisfazione per questa scelta del Consiglio di Amministrazione che servirà a sbloccare i fondi ed a dare una spinta importante allo sviluppo sostenibile della costa.

Sono previste risorse per studi e ricerche sugli ecosistemi marini, promozione delle risorse ittiche, formazione degli operatori e soprattutto sviluppo del turismo legato al mare ed alla costa.

L’attuale Consiglio di Amministrazione è composto da 7 membri in rappresentanza di alcuni soci del FLAG: Comune di Civitavecchia, Comune di Ladispoli, Comune di Montalto di Castro, Cooperativa Marinai e Caratisti Civitavecchia, Cooperativa Piccola Pesca Harmine, Federbalneari e Legacoop Lazio.

La rimodulazione del piano di sviluppo è stata condivisa con tutti i soci tra cui l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e i Comuni di Santa Marinella e Tarquinia.

Il piano è stato inviato alla Regione Lazio per le necessarie autorizzazioni. Il Presidente Pelosi ritiene che: “probabilmente a partire dal prossimo autunno potranno essere promulgati i bandi e quindi confidiamo in una progettualità importante delle istituzioni ed il sistema delle imprese per utilizzare al meglio i fondi che il Flag metterà a disposizione”

“Appena avremo l’okay della Regione Lazio – continua Pelosi – potremo far partire alcuni progetti di ricerca dell’università della Tuscia e del CURSA che permetteranno di dare un concreto aiuto a migliorare le tecniche della pesca da una parte e dall’altra forniranno precise informazioni sul riccio di mare che potrebbe diventare un elemento caratterizzante del pescato locale.

Il Flag Lazio Nord intende inoltre promuovere l’utilizzo di tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del territorio in un contesto nel quale la valorizzazione delle peculiarità di quest’ultimo (sotto il profilo delle produzioni e dei beni turistico – culturali) può essere ottenuta stimolando l’interesse e la coscienza delle popolazioni residenti.

Attraverso animatori territoriali e le associazioni saranno realizzate azioni di informazione e formazione rivolte all’intera comunità (in particolare agli operatori del settore ittico) finalizzate a facilitarne la comprensione della Strategia di Sviluppo Locale e, di conseguenza, a stimolarne la partecipazione.

C’è tanto lavoro da fare ed in tempi molto stretti ma tutti i soci sia pubblici che privati hanno intenzione di non perdere questa opportunità per il territorio.

Massimo Pelosi

Presidente Flag GAC Lazio Nord

Massimo Pelosi