Flash mob. Rifondazione Comunista a Viterbo “occupa” Porta Romana

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. Oggi, sabato 30 maggio, Rifondazione Comunista è stata presente nelle piazze di decine di città d’Italia per l’avvio della campagna nazionale “Per il reddito alle persone, la sanità e l’istruzione pubbliche”. A Viterbo abbiamo scelto di “occupare” simbolicamente la principale porta della città, Porta Romana.

Con questa campagna che durerà 4 settimane s’intende sensibilizzare le cittadine e i cittadini sulla necessità di investire più risorse per garantire un reddito a tutte e tutti, investire nel rilancio della sanità e scuola pubbliche e nella creazione di posti di lavoro nella necessaria riconversione ambientale dell’economia.

Di fronte all’emergenza sanitaria e alla più grave crisi economica dopo la seconda guerra mondiale il governo stanzia risorse insufficienti, in grave ritardo, per le milioni di persone rimaste senza reddito, e senza un progetto per il futuro economico e sociale del paese che non sia una rinnovata sudditanza al mercato e ai profitti.

Riteniamo insufficienti le misure annunciate dalla Commissione Europea e sbagliata la decisione del governo – condivisa dalla destra – di sostenere grandi imprese che hanno spostato sede legale all’estero per non pagare tasse in Italia.

Non è vero che i soldi non ci sono!

Come Rifondazione Comunista chiediamo di

-tassare le grandi ricchezze, rendere il fisco equo e colpire davvero l’evasione fiscale!

-battersi in Europa perchè la Bce emetta direttamente, come stanno facendo le banche centrali di tutto il mondo, le grandi risorse indispensabili perché tutti i paesi europei superino la crisi senza le gravi conseguenze economiche, sociali e occupazionali già subite dopo quella del 2008.

 

Roberta Leoni

Rifondazione Comunista (Sinistra Europea)

Federazione Provinciale di Viterbo