Trapianto totale di polmoni a 18enne dopo forma aggressiva di Covid-19, Fontana: “Tutto ok grazie all’ eccellenza del Policlinico di Milano”

NewTuscia – MILANO – Al Ospedale Policlinico di Milano il miracolo in piena pandemia per salvare Francesco, 18 anni, dal Covid.
E’ stato necessario un trapianto totale di polmoni perché i suoi, in pochi giorni, erano stati totalmente bruciati dal virus.
L’operazione è pienamente riuscita. Straordinario!

Il racconto:
Francesco ha 18 anni, li ha compiuti giusto due settimane prima che in Italia esplodesse il Covid-19.
Il 2 marzo la febbre inizia a salire e la situazione precipita, il 6 viene ricoverato nella terapia intensiva della tensostruttura dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Il virus colpisce ancora più duramente: ormai i suoi polmoni sono compromessi irrimediabilmente, non si torna più indietro.

I suoi medici non vogliono arrendersi. A metà aprile la #speranza arriva da un confronto con la Chirurgia Toracica e Trapianti di Polmone del Policlinico di Milano, dove si decide di tentare un’ultima risorsa: DONARGLI DEI POLMONI NUOVI.
Una cosa mai tentata finora contro il Covid, se non in pochi rari casi in Cina.

La strada da percorrere non è affatto semplice: gli ospedali sono impegnati con la pandemia e ogni procedura ha bisogno di attenzioni e cautele finora impensabili. Intanto gli esperti del Policlinico mettono in atto la strategia: i chirurghi toracici, insieme ai pneumologi, agli infettivologi, ai rianimatori, agli esperti del Centro Trasfusionale pianificano tutto nei minimi dettagli.

Intanto il ragazzo continua a peggiorare. A metà aprile finalmente la svolta: viene individuato un organo idoneo, donato da una persona deceduta in un’altra Regione e negativa al Coronavirus.
Al San Raffaele affrontano la delicata fase del trasporto del paziente.
Al Policlinico di Milano si preparano per l’operazione. Un trapianto è un intervento sempre delicato, ma lo è ancora di più quando tutto il personale della sala operatoria è pesantemente protetto dai dispositivi di protezione contro il virus, tra cui anche dei caschi ventilati, che impacciano i movimenti e affaticano gli esperti in modo importante.

INTERVENTO PERFETTAMENTE RIUSCITO.

Oggi Francesco è sveglio, collaborante, segue la fisioterapia e viene lentamente svezzato dal respiratore. Ci vorrà ancora del tempo perché possa tornare a una vita il più possibile normale, ma forse il peggio è passato.

Auguri Francesco.
Complimenti al Policlinico di Milano, al Centro Trapianti e all’Ospedale San Raffaele.

Attilio Fontana
Governatore Regione Lombardia