Viterbo, provvedimenti ripartenza attività commerciali e artigiane

Il Sindaco Arena e l’Assessore Mancini fanno il punto con Camera di Commercio e associazioni di categoria

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo. Riapertura attività commerciali e artigiane, provvedimenti adottati, quelli in fase di predisposizione e quelli che verranno definiti e adottati a breve. Sono state affrontate principalmente queste tematiche nel corso dell’incontro richiesto dal sindaco Giovanni Maria Arena insieme all’assessore allo sviluppo economico e alle attività produttive Alessia Mancini nella mattinata di ieri. A fornire impressioni, valutazioni e considerazioni e a presentare proposte sono stati il segretario generale della Camera di Commercio Francesco Monzillo e i rappresentanti delle associazioni di categoria: il segretario provinciale Confartigianato Imprese Viterbo Andrea De Simone, Antonio Posati, presidente provinciale Confcommercio, Vincenzo Peparello, presidente Confesercenti Viterbo, Giancarlo Bandini, segretario provinciale Confimprese, e Luigia Melaragni, segretario CNA Viterbo e Civitavecchia.

Nel corso dell’incontro virtuale, avvenuto su piattaforma Zoom, si è parlato anche di orari delle attività commerciali e artigiane, del differimento di alcune tasse comunali, tra cui la possibilità di intervenire sulla Ta.Ri. Richiesta unanime è stata rivolta al Comune da parte delle associazioni affinché ci sia la massima attenzione sul contrasto all’abusivismo e al lavoro nero. Così come unanime è stata da parte dei rappresentanti delle associazioni di categoria, la condivisione e l’apprezzamento per l’impegno e per i  provvedimenti messi in campo dall’amministrazione per favorire le attività economiche in questa difficile e complessa fase di ripartenza post Covid-19. In particolar modo per quel che concerne la semplificazione delle procedure per la richiesta di occupazione o di ampliamento del suolo pubblico per le attività di ristorazione e di somministrazione bevande. “Procedure snelle – hanno sottolineato le associazioni – che hanno consentito ai richiedenti una rapida assegnazione degli spazi e che gli permetteranno di partire con i tavoli all’aperto già dal primo giugno”. A questo proposito il sindaco Arena ha annunciato il provvedimento su cui si sta lavorando, che riguarderà la rimodulazione degli orari della ztl centro storico (CS), ovvero la zona che inizia da via San Lorenzo e coinvolge la parte medievale della città.

“Sono molto soddisfatto – ha commentato il sindaco Arena al termine dell’incontro -. Un clima di massima collaborazione e condivisione. È con questo atteggiamento che si riuscirà a dare una risposta ancora più incisiva e più vicina ai reali bisogni di questa categoria. Un comparto duramente colpito dalle misure restrittive dovute al coronavirus. Come amministrazione abbiamo voluto dare una risposta forte alle nostre attività commerciali, in questo caso a ristoranti e bar, attraverso la concessione di suolo pubblico, garantendo anche quell’indispensabile semplificazione amministrativa alle procedure che ha permesso l’assegnazione degli spazi non appena presentata la domanda da parte degli esercenti. Tutto questo andrà supportato da una maggiore pedonalizzazione di alcune zone in modo da consentire ai locali di somministrazione di alimenti e bevande di lavorare senza il traffico delle auto, in alcune ore del giorno e della sera, nel pieno rispetto di tutte le altre attività commerciali aperte durante le altre ore della giornata”.

“Tra mille difficoltà i commercianti hanno riaperto le loro attività – ha sottolineato l’assessore Mancini -. La percentuale di riapertura nella nostra città è molto alta. Un dato molto indicativo. Fino ad oggi stanno dando prova di grande responsabilità e di grande rispetto verso i propri clienti, osservando attentamente le regole.

E noi, come amministrazione, stiamo lavorando molto su questo aspetto, affinché negozi e locali siano attenti alla salute dei loro clienti e gli stessi clienti siano tranquilli nel fare i loro acquisti, consumare pasti o concedersi un aperitivo”.