L’aspirante ornitologo Francesco Barberini in conferenza con il CPIA1 di Siena

NewTuscia – ACQUAPENDENTE – In un periodo reso difficile dalla convivenza con il Covid19, con tutte le scuole ancora a decidere come terminare l’anno in corso, il CPIA1 di Siena ha invitato a tenere una lezione molto particolare Francesco Barberini, aspirante ornitologo di 12 anni, Alfiere della Repubblica Italiana per meriti di divulgazione scientifica, molto spesso ospite anche di varie trasmissioni televisive della Rai e di emittenti private.

Francesco venerdì è stato il professore dei ragazzi del biennio della scuola serale di Poggibonsi (il CPIA1 per il primo anno sotto la guida della neo-dirigente Daniela Mayer), evento, organizzato dal Professore e scrittore Claudio Marini, al quale hanno partecipato, suoi colleghi, studenti dell’Università della Facoltà di Biologia e curiosi.

Lui non si è fatto intimorire da questa platea variegata e ha parlato del percorso evolutivo che ha portato i dinosauri a volare e diventare gli odierni uccelli e ha mostrato, con immagini molto belle, quali sono le ricostruzioni più attendibili di alcuni di questi rettili vissuti più di 200 milioni di anni fa. Il giovane Francesco ha saputo trascinare con entusiasmo i partecipanti adattandosi all’impossibilità di incontro diretto, come ha fatto in passato numerose volte in molti luoghi, ha viaggiato molto e riprenderà a farlo appena possibile, soprattutto in l’Italia ma anche nel resto del mondo (due libri dei quattro che ha già scritto riguardo luoghi da lui visitati, le Seychelles e Kuusamo in Finlandia).

Alla fine c’è stato anche spazio per diverse domande alle quali ha risposto con la tranquillità di chi conosce la materia e sa quello che dice. Ha parlato dei suoi progetti futuri e di come gli è sembrato il modello di scuola finlandese dove ha svolto poco tempo fa alcuni incontri. E’ stata una bella lezione per tutti: per chi ama la biologia e il birdwatching, per chi è consapevole che si può imparare qualcosa anche a distanza, soprattutto per chi crede come Francesco che il nostro futuro dipenderà dall’impegno e dalla lotta ai cambiamenti climatici attraverso anche la divulgazione.

Francesco Barberini