Coronavirus, fase 2: apertura negozi e protocolli sicurezza

Vincenzo Peparello, presidente Confesercenti Viterbo
Vincenzo Peparello, presidente Confesercenti Viterbo

NewTuscia – VITERBO – In previsione dell’attesa data del 4 maggio alla quale dovrebbe finalmente scattare la “Fase 2” dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, le aziende che saranno interessate dalla riapertura sono chiamate ad organizzare le attività in conformità con le procedure che saranno indicate dettagliatamente, presumibilmente, nel prossimo DPCM atteso a giorni.

E’ comunque evidente che il decreto prevederà una serie di misure igieniche e di sicurezza, quali la sanificazione dei locali, l’utilizzo dei DPI, il distanziamento dei lavoratori e della clientela, ecc. che ricalcheranno in grandi linee quelle già contenute nel Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del 14 marzo scorso.

Per quanto riguarda la consegna a domicilio, gli O.F.A (Operatori della filiera agroalimentari alimentari) titolari delle aziende suddette non devono presentare una nuova scia o richiedere un’autorizzazione per poter vendere con consegna a domicilio per la quale molte attività del settore alimentare si sono organizzate, sono previste inoltre misure aggiuntive legate specificatamente alla sicurezza degli alimenti, come previsto dalle Linee Guida per il Food Delivery rese note dalla ASL di Viterbo con una nota del 21 aprile. In particolar modo si tratta di procedure riguardanti la comunicazione degli ingredienti e degli allergeni e di procedure di sanificazione, imballaggio e trasporto.

Tali procedure, che prevedono la gestione delle varie attività aziendali e la relativa formazione del personale, dovranno andare ad integrare i già presenti Piani di Autocontrollo Igienico Sanitario per le attività del settore alimentare ed i Documenti di Valutazione dei Rischi per le attività di tutti i settori merceologici come anche indicato nel documento tecnico elaborato dall’ Inail che prevede misure di contenimento dai contagi sui luoghi di lavoro nella fase di riapertura delle attività produttive a garantire adeguati livelli di tutela dei lavoratori, previsti a partire dal prossimo 4 maggio.

Allo scopo di rispondere alle esigenze delle aziende nei tempi rapidi richiesti dalla riaperture ormai prossime, la Confesercenti Provinciale di Viterbo, mediante il proprio Centro di Assistenza Tecnica alle Imprese ed “Impresa sicura in sicurezza”, fornisce assistenza per tutte le procedure previste e corsi di formazione.

Per info contattare il numero 0761/187831 e seguire le indicazioni o inviare una mail ad info@confesercentiviterbo.it

Confesercenti Viterbo